Menichini nel post-partita: “Niente calcoli, andiamo a Venezia per fare gol”

menichini

Nel post partita di Salernitana-Venezia, l’allenatore dei granata Menichini si dice soddisfatto della vittoria: “Voglio vedere il bicchiere mezzo pieno”

Una vittoria dal sapore amaro per la Salernitana di Menichini che ieri sera si è aggiudicata per 2-1 la prima battaglia play-out contro il Venezia. Un gol nel finale, quello di Zigoni, che ha tagliato le gambe all’entusiasmo granata e smorzato la fiducia dopo un primo tempo giocato su livelli che non si vedevano da tempo dalle parti dell’Arechi.

Non sembra scoraggiato in conferenza Leonardo Menichini che ha espresso la sua soddisfazione per la reazione della squadra e la vittoria maturata nei 90 minuti:

“Oggi voglio vedere il bicchiere mezzo pieno: ho rivisto la Salernitana giocare a calcio e dobbiamo essere felici di aver ritrovato la vittoria dopo tanto tempo. I ragazzi hanno cercato di fare quello che si è provato in allenamento e sono consci che in queste 2 partite hanno la possibilità di riscattare la stagione”.

Un secondo tempo sottotono e dal baricentro molto basso ha permesso ai ragazzi di Cosmi di guadagnare terreno e mettere più volte in difficoltà la retroguardia granata.

“Lo avevo già annunciato alla vigilia che questa sarebbe stata una partita trappola – spiega mister Menichiniil Venezia è tutt’altro che in vacanza. Non è stata una nostra scelta quella di abbassare il baricentro: il Venezia ha spinto, soprattutto nel secondo tempo, costringendo la squadra a schiacciarsi nella propria metà campo. In questa situazione avremmo dovuto sfruttare meglio le occasioni e i contropiedi avuti”.

Menichini ha poi aggiunto: “I ragazzi hanno passato una stagione difficile e in questo momento hanno bisogno di calore; per questo dico grazie ai tifosi per quello che hanno fatto oggi, perché la Salernitana è di Salerno e della sua gente”.

Una trasferta in terra veneta da dentro o fuori, con il vantaggio di avere a disposizione due risultati su tre per la salvezza:

“C’è sicuramente rammarico per il gol subito nel recupero, ma anche se fosse finita 2-0 a Venezia non sarebbe stato possibile allentare la concentrazione. Non andremo al Penzo per difenderci o fare calcoli, dobbiamo andare lì per fare gol”.

E sulla formazione che scenderà in campo aggiunge:

“Ci sono giocatori che venivano da infortuni e che non hanno i 90 minuti nelle gambe: anche oggi fare le tre sostituzioni è stato difficile. Mantovani, Migliorini, Pucino e Djavan Anderson avevano tutti dei problemi, Djuric è uscito dal campo stremato. Non escludo che domenica possa giocare gente fresca che oggi non è scesa in campo”.

L’appuntamento con l’ultima gara stagionale della Salernitana è per domenica 9 alle ore 18: l’ultima possibilità per i granata per restituire a questa città la dignità che merita e onorare il Centenario alle porte.