Home Territorio Cava de' Tirreni Medaarch lancia la Fab City in Campania

Medaarch lancia la Fab City in Campania

Covid-19

Italia
14,621
Totale Casi Attivi
Updated on 4 July 2020 22:26
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Medaarch alla Mostra d’Oltremare di Napoli per un momento di confronto sul tema e sulle pratiche legate alla Fab City per le Città Italiane

[ads1]

- Advertisement -

Medaarch – Mediterranean FabLab – Domani venerdì 7 aprile 2017 alle ore 14.00, presso la Mostra d’Oltremare di Napoli (ingresso Viale Kennedy), in occasione della seconda edizione di Innovation Village, il primo evento di lancio in Campania dell’iniziativa globale Fab City.

Il workshop “Fab City. Il Manifesto e l’iniziativa”, a cura di Medaarch – Mediterranean FabLab, è promosso con l’obiettivo di avviare un momento di confronto tra gli attori del territorio campano e, in generale, del sud Italia sulle tematiche e sulle pratiche legate alla Fab City per le città italiane.

Tra gli interventi, anche quello di Serena Angioli, Assessore Fondi europei e Politiche giovanili della Regione Campania.

Fab City è un progetto internazionale lanciato dallo IAAC, il CBA del MIT di Boston, il Comune di Barcellona e la Fab Foundation per sviluppare città autosufficienti localmente produttive e globalmente connesse attraverso la cooperazione tra città, cittadini e centri di conoscenza.

L’idea è quella di ripensare le nostre città e di capire in che modo facilitare l’impatto dei fablab a livello urbano. La possibilità di proporre un nuovo modello di economia “localmente produttiva e globalmente connessa” rappresenta, infatti, una delle ricadute più interessanti della manifattura digitale e degli ideali del mondo maker.

Fab City vuole mettere in rete amministrazioni, policy maker, associazioni e fablab per capire qual è l’impatto di oggetti e servizi progettati digitalmente nei contesti urbani, e facilitarne l’ottimizzazione dei benefici e delle ricadute. Tra le tematiche di interesse ci sono l’agricoltura urbana, servizi pubblici, la gestione del sistema sanitario.

Ad oggi sono 13 le città internazionali che hanno aderito all’iniziativa – Amsterdam, Boston, Shenzhen o anche Stati interi come la Georgia – e che stanno creando una rete che si sta estendendo a livello globale per migliorare la resilienza delle città e la loro economia.

In questo panorama di fermento, anche il sud Italia si sta attivando. Primo appuntamento è per domani 7 aprile alla Mostra d’Oltremare, nell’ambito della kermesse Innovation Village.

Il tutto per capire in che modo è possibile attuare politiche a favore delle Fab City e ripensare le nostre città come luoghi resilienti, produttivi e autosufficienti.

[ads2]

LiveZon
zerottonove