HomeCronacaLa replica di CasaPound Salerno

La replica di CasaPound Salerno

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
2,689,166
Totale Casi Attivi
Updated on 26 January 2022 6:33
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

In merito alle accuse e alle condanne che vedrebbero coinvolti attivisti di CasaPound, ritenuti colpevoli dell’irruzione e distruzione del centro sociale Asilo Politico ora chiamato Jan Assen e di incitamento all’odio razziale, all’apologia al fascismo e al vilipendio alla Resistenza, pubblichiamo la replica inviataci in redazione dal Direttivo provinciale di CasaPound Salerno.

Salerno, 2 maggio – A differenza di quanto riportato oggi su molte testate locali, CasaPound Italia è estranea al processo per il danneggiamento del Centro sociale Asilo Politico. A renderlo noto è la stessa associazione, ricordando che “i fatti contestati agli imputati risalgono al 2006 e alla
prima parte del 2007, mentre CasaPound è nata a livello nazionale solo nel maggio-giugno 2008”.

“Risultano, inoltre, faziosi – prosegue la nota dell’associazione – i titoli che indicano i quattro imputati come aderenti a CasaPound Italia. Uno solo di loro fa parte del nostro movimento, fin dalla sua fondazione a Salerno. Gli altri tre non sono nostri militanti e, anzi, aderivano a
un’organizzazione da sempre distante dal nostro progetto politico”.
“Ricordiamo, infine, che nella sentenza di primo grado Lezzi è stato assolto sia dall’accusa di apologia di fascismo sia da quella di devastazione del centro sociale.”