HomeAttualitàAsd Giffoni Sei Casali e Granammare uniti nella solidarietà: donate mille mascherine...

Asd Giffoni Sei Casali e Granammare uniti nella solidarietà: donate mille mascherine al Comune di Giffoni Sei Casali

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
929,006
Totale Casi Attivi
Updated on 2 July 2022 9:42
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

L’ASD Giffoni Sei Casali, con il supporto dello sponsor Granammare, ha donato mille mascherine al Comune presieduto da Francesco Munno. Un gesto di estrema solidarietà dell’imprenditore Nicola Cardillo

Prosegue la gara di solidarietà per garantire sicurezza e prevenzione alle comunità locali durante l’emergenza Coronavirus. L’ASD Giffoni Sei Casali, con il sostegno dello sponsor, la nota pizzeria salernitana Granammare, ha donato al Comune di Giffoni Sei Casali presieduto da Francesco Munno mille mascherine protettive chirurgiche da destinare alla Polizia Locale e ai volontari della Protezione Civile impegnati nella lotta contro il Coronavirus e a tutte quelle famiglie che ne hanno bisogno. Un gesto di grande vicinanza e supporto al territorio della provincia di Salerno ad opera dell’imprenditore Nicola Cardillo, patron della società sportiva, e del suo team, impegnato in questi giorni difficili a dare il suo contributo.

Da uomo di sport credo fortemente nel calcio come strumento di coesione sociale e volano dei più sani principi morali, civili e solidaristici. Per questo motivo, in un momento storico particolarmente difficile che richiede l’impegno e il contributo di tutti, abbiamo voluto dare il nostro supporto al Comune e alle Forze dell’Ordine che sono impegnate in prima linea per tutelare la salute di tutti – ha tenuto a precisare Cardillo – Sin dall’inizio dell’emergenza, ci siamo messi a disposizione delle comunità locali. Penso all’iniziativa di Granammare di donare viveri al Ristorante Sociale Elpis di Salerno dell’Associazione l’Abbraccio, che ha dato la possibilità a tante persone in difficoltà di poter mangiare un pasto caldo. A mio avviso, non c’è impresa o società sportiva senza un’attenzione al sociale e alle problematiche del territorio. Ringrazio tutto il mio team che mi sta supportando in questo percorso di solidarietà con abnegazione e senza paure”.