Il Futuro dell’Ospedale Fucito a Baronissi



Incontro a Baronissi sul futuro dell’Ospedale Fucito

Ieri, Martedì 26 Aprile in Aula Consiliare di Palazzo di Città a Baronissi si è svolta una riunione per proporre con prospettive future la riapertura di determinati reparti e una nuova organizzazione dell’Ospedale “Fucito” di Mercato S. Severino. All’incontro sono stati presenti Gianfranco Valiante, sindaco di Baronissi, insieme ai sindaci dei comuni limitrofi, Antonio Rocco consigliere regionale, l’associazione il “Punto” con la Protezione Civile,organizzazioni sindacali, operatori sanitari e cittadini.

Valiante ha aperto l’incontro avvertendo i presenti di non voler “passerelle” e nessuna strumentalizzazione politica, ha organizzato per la prima volta questo incontro per comprendere, capire i vari punti di vista dei partecipanti e ovviamente per non lasciare le voci dei cittadini disattese.La parola è passata al consigliere  regionale Antonio Rocco, il quale ha presentato i diversi ospiti e ha introdotto il bilancio del presidio Ospedaliero negli ultimi anni attraverso l’uso di alcune slide.

Ha passato poi la parola alla segretaria provinciale CGIL la signora Margaret la quale, come tutti, vuole venire incontro ai veri bisogni della gente rivedendo il numero dei posti letto all’interno dell’Ospedale e riaprendo reparti essenziale come Ortopedia\Traumatologia, Ostetricia\Ginecologia, Medicina\Chirurgia e un efficiente Pronto Soccorso. Al dibattito ha partecipato Antonacchio Segretario CISL , il quale ha fatto riflettere i presenti che il punto di partenza è prima di tutto un organizzazione territoriale e poi Ospedaliera.Importante intervento è venuto anche dal rappresentante del Sindacato dei Pensionati, Quarella , il quale si è concentrato sull’importanza strategica che riveste tale Ospedale nella Valle dell’ Irno.

In seguito è stato invitato a prendere parola anche il Presidente del Comitato Ospedaliero che si è incentrato sul diritto alla salute pubblica e a tutelare il personale medico e le figure professionali all’interno. Testimonianza importante è stata anche quella del Dott. Ianello ginecologo presso il complesso Ospedaliero, lui invece ha voluto sottolineare la causa della chiusura di alcuni reparti con la conseguente perdita di posti letto in pediatria e in ginecologia non riconvertiti negli  Ospedali limitrofi, ma anche la perdita di prestazioni di tali Ospedali per il sovraffollamento e per le interminabili liste d’attesa, problema molto sentito tra i cittadini.

IMG-20160427-WA0009

La conferenza si è spostata sul lato politico facendo partecipare i rappresentanti dei comuni invitati.Il primo è stato Mercato San Severino rappresentato dal dottore Landi il quale vede l’Atto Aziendale come Atto Politico e in quanto tale può essere modificato solo dal governatore.Propone quindi di stilare un documento firmato da tutti esponendo le problematiche , le necessitudini dei cittadini inviarlo e aspettando il responso. La parola è passata poi a Gismondo sindaco del comune di Calvanico e a Capuano sindaco di Castel San Giorgio che si sono auspicati di poter stilare questo documento con una proposta credibile per venire incontro a tutti gli abitanti della Valle dell’ Irno. Appoggio è venuto anche dal Comune di Montoro e dal comune di Avellino .

Nella parte finale della Conferenza ha preso parola Tommaso Amabile il quale ha proposto di portare avanti obbiettivi  fondamentali come quello di dare risposte efficienti ai cittadini costruendo un importante rete di emergenza territoriale mantenendo sempre le eccellenze di questa nobile Azienda.A chiudere l’evento è stato il sindaco Valiante che dopo i ringraziamenti ha proferito:

“Abbiamo avuto un evento di grande coesione che non poteva essere di meno quando si parla di sanità pubblica; è un percorso lungo ma grazie a incontri come questo dove c ‘è il confronto tra le diverse parti possiamo insieme intraprendere la strada giusta”.

Leggi anche