HomeAttualitàFisciano, concessione di agevolazione sul tributo TARI anno 2022

Fisciano, concessione di agevolazione sul tributo TARI anno 2022

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
498,247
Totale Casi Attivi
Updated on 3 December 2022 0:38
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Presentata al comune di Fisciano la nuova misura per la concessione di agevolazione sul tributo TARI anno 2022

L’Amministrazione Comunale di Fisciano ha presentato stamane nella sala delle conferenze a palazzo di Città, la nuova misura varata per la CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONE SUL TRIBUTO TARI ANNO 2022 al fine di sostenere, con atti concreti, le famiglie in questo particolare momento di crisi economica.

L’avviso riguarda la concessione di agevolazioni sul pagamento del tributo tari, in riferimento alla quota variabile delle utenze domestiche, relative all’abitazione di residenza del nucleo familiare dei cittadini residenti nel Comune di FISCIANO.

Abbiamo pensato, visto l’enorme difficoltà in cui riversano in questo momento le famiglie, di consentire un’agevolazione che va dal 10 al 36% di sconto sull’importo variabile della tassa sui rifiuti che entra in vigore dalla prossima bolletta – ha dichiarato il sindaco di Fisciano Vincenzo Sessa –. Questo consentirà un ulteriore respiro da parte delle famiglie. Nelle prossime settimane ci saranno ulteriori aiuti anche per quanto riguarda il caro energie, su questa misura abbiamo investito circa 200mila euro, ne metteremo altri per consentire alle famiglie del nostro territorio di avere un aiuto per cercare di superare questo momento difficile che sta attraversando tutto il paese”.

In realtà, abbiamo fatto veramente un grande sforzo – ha dichiarato l’Assessore Franco Gioia –. Mettiamo sul tavolo 201mila euro come contributi sulla tari. Abbiamo realizzato un programma che prevede 4 fasce di interventi con ISEE fino a 30mila euro. Va fatta una domanda entro il 18 dicembre, invito tutti i cittadini a recarsi verso Caf, patronati, commercialisti per fare questa richiesta. È una concessione molto importante che va da un minimo del 10% del totale a circa al 40% per le fasce più deboli. Questa detrazione va fatta sul tributo del 2023. Credo che abbiamo fatto un grande sforzo. Stiamo mettendo in campo ulteriori forme di agevolazioni con contributi per quanto riguarda gli aumenti energetici. Per settimana prossima saremo pronti anche per l’altra misura”.