Dipendo da me, il progetto a San Severino contro le dipendenze

dipendo da me

Il prossimo 8 maggio si terrà l’appuntamento conclusivo del progetto “Dipendo da me”, organizzato a Mercato San Severino per combattere le dipendenze

Messaggio elettorale a pagamento commissionato da Carmine Vicinanza

 

Manifestazione conclusiva del progetto “Dipendo da me” in programma l’8 maggio 2019 alle ore 10.30 presso l’Aula Consiliare “Carmine Manzi” del Palazzo Vanvitelliano, sui temi della prevenzione contro le  dipendenze e l’alfabetizzazione emotiva e nel corso della quale i giovani studenti della Scuola Media “San Tommaso d’Aquino” presenteranno i lavori proposti.

L’assessore alle politiche sociali del Comune di Mercato San Severino,  Giuseppe Albano, dichiara : “Il nostro è uno dei pochissimi Comuni in Campania ad aver attivato, in via sperimentale, un programma dedicato al contrasto delle dipendenze nelle scuole medie e superiori della nostra Città, portato avanti dalla psicologa Gerardina Fimiani in collaborazione con i medici del SERD Gennaro Pagano e Fabrizio Budetta,  grazie al contributo ed alla disponibilità dei dirigenti scolastici Florimonte e Trivisone”. 

Che cos’è “Dipendo da me”

“Dipendo da me” – ricorda l’assessore Albano – è il nome del progetto, per informare, formare e sensibilizzare sull’argomento della prevenzione rispetto alle varie e molteplici forme di  dipendenza. Un tema, purtroppo, di grande attualità. 

È stato aperto uno sportello, supportato da esperti del settore con attività in corso presso la Scuola Media “San Tommaso d’Aquino”  e l’Istituto di Istruzione Superiore “Virgilio”.

“Il nostro obiettivo” – chiude Albano “ –“è  allargare il raggio di azione e coinvolgere nuclei familiari e cittadinanza. Ringrazio la dottoressa Gerardina Fimiani che ha ideato e guidato il progetto, i medici del Serd per il grande contributo offerto.

Se il nostro territorio vive problematiche serie di dipendenza, non dobbiamo nasconderci, ma analizzare e cercare le soluzioni: per questo l’arma vincente è sicuramente la prevenzione.”

“Il progetto” – chiude il sindaco, Antonio Somma – “attua un provvedimento della Giunta Comunale, con il quale è stata approvata ed avviata l’iniziativa. È stato svolto dagli operatori dell’apposito sportello di ascolto, istituito dall’Amministrazione Comunale con l’obiettivo precipuo di fornire, soprattutto ai giovani, le informazioni utili per la prevenzione delle tossicodipenze, del gioco d’azzardo e di qualsivoglia forma di devianza.

Un’idea progettuale cui l’Amministrazione Comunale fornisce pieno sostegno. Lo sportello è coordinato dell’Assistente Sociale del Comune ed  è costituito da un gruppo di lavoro, (due psicologi, uno specialista del SERD territoriale ed un medico di base), che opera a titolo assolutamente gratuito”.