Home Attualità De Luca venerdì 22 gennaio 2021: ritorno in classe delle scuole superiori

De Luca venerdì 22 gennaio 2021: ritorno in classe delle scuole superiori

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
389,433
Totale Casi Attivi
Updated on 24 February 2021 18:52
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

De Luca venerdì 22 gennaio 2021: la data sul ritorno in classe delle superiori, il punto sulla campagna vaccinale, la riapertura dei musei con visite gratuite

Nella diretta del 22 gennaio 2021 il Presidente De Luca interviene con osservazioni positive sul nuovo Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Egli lo definisce un esempio di persona civile e di grande  esperienza politica, con la cui elezione si spera si diffonda nel mondo un clima di responsabilità e minore tensione.

Il primo passo in virtù di questioni importanti è stato tornare sull’argomento delle problematiche climatiche e gli accordi di Parigi, messi fuori gioco dal suo precedente rivale. De Luca spera che si ponga anche la parola fine alla battaglia sui dazi sui prodotti agricoli del nostro paese.

Secondo punto oggetto di considerazioni di quest’oggi è la crisi di Governo, in cui il paese ci rimetterà in efficienza operativa nei prossimi mesi.

De Luca poi torna sulle tematiche riguardanti la regione Campania che sono state oggetto di discussioni nei giorni scorsi. Il primo riguarda la distribuzione dei vaccini, operazione considerata squilibrata e penalizzante per la Campania.

Il piano di distribuzione era rapportato a 2 parametri: il numero di dipendenti nelle strutture sanitarie, il secondo sul numero di anziani nelle Rsa. Ci sono regioni con il doppio delle residenze per anziani, ma questo conteggio non equivale ad un numero anche doppio di anziani nella regione.

Secondo De Luca i presupposti per la distribuzione sono errati. La distribuzione andava fatta in base al numero degli abitanti. In Campania sono state inviate 135 mila dosi di vaccino (10 % in meno per ritardo della fornitura di Pfizer), in Emila Romagna 183 mila, 179 mila in Lazio, in Lombardia 304 mila, 170 mila in Piemonte, in Veneto 164 mila.

De Luca definisce questa situazione un “mercato nero dei vaccini”. In queste ore pertanto si sta discutendo con il commissario Arcuri per l’ invio di un numero congruo di dosi per coprire le seconde iniezioni. Se nei prossimi giorni non arriveranno le dosi necessarie, De Luca chiederà l’ invalidazione del piano di distribuzione.

Tra la fine del mese di gennaio e i primi giorni di febbraio 2021 verranno completate le somministrazioni della seconda dose vaccinale e si presume un completamento della campagna di vaccini entro il 2021. La regione Campania si sta attrezzando per la “fase 2”. Dal mese di marzo inizierà la vaccinazione di massa contro il coronavirus e verranno allestiti di conseguenza 140 punti di somministrazione per effettuare 55 mila 60 mila vaccinazioni al giorno. 4 milioni e 600 mila abitanti campani saranno vaccinati, e moltiplicando il numero delle dosi per 2 si potrà coprire anche la seconda somministrazione. Questo significa che entro l’estate dovremmo avere la disponibilità di 9 milioni di dosi, ma al momento sono giunte in regione solo 135 mila.

Tema della riapertura delle scuole. La curva dei contagi dopo le festività natalizie avrebbe potuto ricominciare a salire e per questo nel mese di gennaio si era deciso di temporeggiare. A seguito di un ricorso e di una sentenza emessa dal Tar è stato stabilito che dal 1 febbraio riapriranno anche le scuole superiori e si avvierà lo screening sul personale scolastico.

Dai dati emerge che la situazione nelle scuole va tenuta sotto controllo, altrimenti potrebbero generarsi dei focolai. Con il supporto dei medici di medicina generale all’interno delle istituzioni si potrebbe pensare di riaprire le scuole effettuando test rapidi sulla comunità scolastica. Nel frattempo si è lavorato per potenziare il trasporto e renderlo più agevole in tempi di pandemia.

Per quanto riguarda il resto dell’operato della regione in altri settori: è stato messo in funzione un treno “Rock di Trenitalia” sulla tratta Napoli Caserta Roma per i pendolari. Nella prossima settimana verranno inaugurati anche altri treni, operazione che ha lo scopo di contribuire all’ammodernamento del sistema di trasporto su ferro e gomma.

Qualche giorno fa è giunta la notizia del riconoscimento Procida “Capitale della Cultura” 2022, occasione che potrebbe diventare nei prossimi mesi un’opportunità di “promozione turistica” per il territorio dopo mesi drammatici per il settore turistico.

Sono ripartiti inoltre i lavori del policlinico di Caserta, inaugurato sabato scorso, per il quale sono stati destinati 50 milioni di euro per attrezzature e tecnologie. Partiranno a breve anche i lavori per le nuove reti fognarie di Nocera.

Riapriranno nelle prossime settimane i musei e i luoghi d’arte del circuito Polo-Museale della Campania per poter concedere ingressi gratuiti e incentivare la visite visite. I luoghi interessati saranno: la Certosa e il Museo di San Martino a Napoli, il Museo Archeologico dell’antica Capua, il Museo archeologico Nazionale di Pontecagnano, la Certosa di San Lorenzo a Padula , il Mav (Museo Archeologico Virtuale) di Portici, il Teatro Romano di Benevento.

Per quanto riguarda la situazione epidemiologica, il tasso di positività si attesta intorno all‘8%. Bisognerebbe che la situazione rientrasse e si scendesse al 5%.