HomePoliticaConsiglio comunale di Salerno, l'Opposizione: "una città svenduta"

Consiglio comunale di Salerno, l’Opposizione: “una città svenduta”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
2,562,156
Totale Casi Attivi
Updated on 18 January 2022 19:19
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Consiglio comunale di Salerno, ancora dissensi da parte dell’Opposizione: “Stiamo svendendo la città”

Quest’oggi, 23 dicembre, il Salone dei Marmi del Palazzo di Città di Salerno ha ospitato il Consiglio Comunale, per la trattazione dei seguenti punti:

  1. Approvazione verbale seduta del 24.11.2021
  2. Riconoscimento debiti fuori bilancio ai sensi dell’art. 194 comma 1 lett.a) del Dlgs n° 267/2000 – deliberazione di G.C. n° 332 del 15.12.2021
  3. Variazione n° 2 del bilancio di previsione 2021-2023 – deliberazione di G.C. n° 321 del 30.11.2021
  4. Piano ordinario di revisione delle partecipazioni societarie detenute dal Comune di Salerno alla data del 31 dicembre 2021
  5. Progetto “ Milite Ignoto , Cittadino d’Italia ( 1921-2021 ) – Commemorazione del centenario della traslazione del Milite Ignoto nel sacello dell’Altare della Patria – Conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto.

Il Consiglio si è aperto con un momento di silenzio, in memoria del giovane 29enne scomparso ieri a causa di un malore improvviso.

Le raccomandazioni

Seguite poi le varie raccomandazioni da parte dell’Opposizione, a partire dal consigliere Roberto Celano. I punti fondamentali sono stati la poca trasparenza da parte dell’amministrazione. Altra nota, comune a tutte le altre raccomandazioni degli altri consiglieri è quella della Salernitana. “Dovevate essere promotori attivi per salvarla. Non c’è stato nessun incontro con i vari imprenditori che si sono arricchiti con questa città. Per voi la Salernitana non è una priorità, ed è uno scandalo” ha concluso al momento Celano.

È seguito poi Santoro: “State sottraendo pezzi di Salerno ai cittadini. È una svendita. E questi pezzi, vista la grande privatizzazione, andranno a beneficio di pochi”. Il consigliere ha anche argomentato la questione riscossioni selvagge: “La Soget è ripartita all’attacco. Stanno distribuendo i regali di Natale ai debitori“.

Le lamentele hanno riguardato anche il Bando per l’affido temporaneo dei servizi, per cui si è richiesta una sospensione.

È stato poi toccato il tema degli hub vaccinali a Salerno: si è richiesto infatti un maggior incremento dei centri nella città. L’attenzione è stata riportata alle scuole, chiuse durante il periodo natalizio, utilizzabili come hub. Il tutto al fine di limitare gli assembramenti dei pazienti in attesa del vaccino, dati dalle lunghe file di attesa.

Ancora altre lamentele riguardanti nuovamente la Salernitana, la quasi assenza del litorale pubblico, soprattutto adatto alle persone con disabilità, e la futura utilizzazione del Pala Tulimieri.

Il consigliere Pecoraro ha infine criticato l’accorpamento del reparto adibito alle donne oncologiche, con tumore al seno, al reparto di chirurgia d’urgenza del Ruggi. Sulla tematica sanità si è parlato (ancora una volta) delle Fonderie Pisano.

L’intervento di Napoli

Dopo le varie risposte da parte della Maggioranza, il primo cittadino di Salerno Vincenzo Napoli è intervenuto sulle varie raccomandazioni mosse: “Dobbiamo regolamentare tutto questo. Si elencano solo gli aspetti negativi dell’amministrazione: abbiamo messo apposto lo stadio Arechi, con la disposizione dei sediolini. Abbiamo implementato l’illuminazione per la serie A, allestito i tornelli all’entrata e seguito Gravina ad ogni passo. La Salernitana va contesa sul campo. Raccolgo inviti e suggerimenti, ma a ciascuno le proprie responsabilità ha concluso il sindaco.

Dopo altri interventi, si è poi passati all’approvazione dei vari punti. Con varie incertezze e dissensi sul punto 3, si è finalmente giunti ai voti. Tutti i punti approvati, in particolare il 3, il 4 ed il 5 con immediata eseguibilita.