HomeAttualitàComune di Battipaglia, rifiuti dalla Tunisia: no caratterizzazione all'ex Stir

Comune di Battipaglia, rifiuti dalla Tunisia: no caratterizzazione all’ex Stir

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
754,988
Totale Casi Attivi
Updated on 27 May 2022 13:30
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Il Comune di Battipaglia ribadisce la propria assoluta contrarietà all’arrivo di rifiuti provenienti da Tunisia nel proprio territorio

Il Comune di Battipaglia ha espresso in tutte le sedi fin dal primo momento, la propria ferma contrarietà all’arrivo dei rifiuti provenienti dalla Tunisia nella Piana del Sele. Ora apprendiamo da notizie di stampa, che qualcuno avrebbe addirittura pensato, oltre allo stoccaggio a Persano, di procedere alla caratterizzazione di quei rifiuti nell‘ex STIR di Battipaglia.

Voglio sperare che sia una notizia senza fondamento, un pensiero “dal sen fuggito”. Ma se c’è chi ha anche solo ipotizzato una soluzione del genere, credo sia bene chiarire che la stessa assumerebbe l’aspetto di una vera e propria provocazione a tutta l’area del Sele, che non potrebbe che vedere una opposizione forte e netta.         

Voglio ricordare, a chi ha ipotizzato questa assurdità, che Battipaglia è dichiarata “area satura”, per cui qualsiasi provvedimento che coinvolga la nostra città vedrebbe:

– da un lato la puntuale immediata ordinanza della Sindaca di divieto di transito dei camion che portano quei rifiuti ordinanza che difenderemmo in ogni sede;

– dall’altro lato il ricorso al TAR, ed eventualmente al Consiglio di Stato, ed in tutte le altre sedi possibili ed immaginabili, non solo perché sarebbe in aperta violazione degli atti Provinciali e dell’EDA di riconoscimento della nostra città come area satura, ma anche perché l’ex STIR non è autorizzato alla lavorazione del rifiuto codificato come CER 191212.

Invitiamo, pertanto chi ha ipotizzato questa soluzione a ritirarla con immediatezza, e le autorità competenti a smentire prontamente la notizia giornalistica.

Non credo che sfidare i territori, provocare gli amministratori locali, esacerbare gli animi, vada nella direzione di risolvere un problema che altri ha creato e di cui si sta imponendo, assurdamente, alla Piana del Sele di farsene carico.