HomePoliticaCirielli: “Denuncio Di Sarli per calunnia”

Cirielli: “Denuncio Di Sarli per calunnia”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
2,689,166
Totale Casi Attivi
Updated on 26 January 2022 4:33
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Questa storia ha avuto inizio quando la Dda ha dichiarato che c’era una determinata “cricca” di imprenditori che gestiva a modo suo gli appalti pubblici truccati. Ora uno dei responsabili, Luigi Di Sarli, anch’egli imprenditore agli arresti, ha accusato Cirielli di avergli intimato l’assegnazione di una gara a Rainone.

«Sarò costretto, per amore di giustizia, a denunciare Di Sarli per calunnia, sebbene sia un onore essere accusato da un tale personaggio». Queste le parole dell’onorevole Edmondo Cirielli, diffuse attraverso un comunicato stampa della Provincia.

Fonte dell'immagine: http://www.informazionesalernitana.it/?p=1691

«Sarebbe preoccupante – afferma il Presidente della nostra Provincia – essere stimato da una persona che in pochissimo tempo ha accumulato una tale quantità di accuse da far impallidire un delinquente di lungo corso. Anziché tacere per una prudente e sana vergogna, getta fango su chi ritiene responsabile di quanto gli è accaduto».

Inoltre prosegue: «La falsità delle accuse si evince già dalla loro indeterminatezza e, se non fosse sufficiente, è noto che Di Sarli sia stato denunciato dalla mia Amministrazione per l’indagine “Ghost Roads”, e di ciò certamente non può essermi grato».

Fonte dell'immagine: http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?p=79077490&langid=6

 

«Farebbe meglio – conclude Cirielli – a spiegare a chi di dovere i particolari di quanto accadeva nella Provincia a guida Pd, un sistema inqualificabile smantellato dalla mia Amministrazione, che ha messo fine al malcostume del passato».

Sarà vero che Cirielli non c’entra nulla? E se non c’entra, come poteva smantellare una situazione che coinvolgeva così tante persone senza prima operare dei licenziamenti? Misteri della casta.