Cavese, il punto sul mercato: se non si vende, non si compra



cavese
Foto: Facebook Cavese Calcio

Il mese di gennaio nel calcio è quello del mercato di ‘riparazione’ e la Cavese cercherà di rinforzare la rosa ma prima ci sarà bisogno di cedere

La Cavese di Massimiliano Santoriello si sta attivando per il mercato di ‘riparazione’ del mese di gennaio. Nella scorsa stagione, i metelliani furono protagonisti soprattutto negli ultimi giorni con una serie di acquisti per rinforzare la rosa.

Anche quest’anno, l’obiettivo sarà quello di ripetersi ma questa volta in maniera limitata: infatti, come dichiarato dal direttore Pavone in recenti interviste, la società metelliana deve fare i conti con diverse situazioni economiche: in primis, ci sono trenta giocatori sotto-contratto e dunque si dovrebbe effettuare qualche taglio. Inoltre, c’è da fare i conti con gli stipendi da pagare agli ‘esonerati’ Lamazza e Moriero (ed il suo staff).

Questo fa sì che la Cavese agirà sul mercato soltanto qualora venisse fuori qualche occasione ma non prima di aver ceduto qualche elemento della rosa attuale. Già detto degli addii dei vari Stranges e Goh, avvenuti nello scorso mese di dicembre, in uscita ci sono anche Sandomenico ed El Ouazni, i quali non hanno soddisfatto la società per il rendimento in campo.

Invece, un club di Serie A è interessato alle prestazioni di Luca Bisogno (attualmente infortunato): si tratta del Parma, che ha incontrato la Cavese nel mese di dicembre per parlare del portiere classe 2000, come svelato dallo stesso Pavone. Al momento, la trattativa non è ancora decollata e la società metelliana attende un’offerta da parte dei ducali.

Tra i pali si segnala il rientro di Alessandro D’Andrea, dopo i primi mesi passati in prestito alla Fidelis Andria in Serie D. Il giovane portiere scuola Napoli resterà in prima squadra fino alla fine della stagione e indosserà la maglia numero 36.

In ambito di entrate, il club si vorrebbe muovere per un terzino sinistro ed una prima punta: il nome sulla fascia mancina accostato negli ultimi giorni è quello di Antonio Gallo, classe 2000 di proprietà del Lecce. Per il ruolo di centravanti non ci sono ancora nomi ‘avanzati’ ma in prova c’è il croato Ivan Prskalo, classe ’95.

Leggi anche