Cavese, via al toto-panchina: in lizza ci sono Capuano e Campilongo

cavese
In foto: Ezio Capuano al Centenario della Cavese

La Cavese è alla ricerca dell’allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione: Capuano e Campilongo tra i papabili

Risolto il contratto con Giacomo Modica, la Cavese si tuffa alla ricerca di un nuovo allenatore che dovrà guidare la squadra nell’anno del Centenario in Serie C.

Già si fanno alcuni nomi per il club metelliano: i primi due sarebbero degli ‘ex’ a cui non dispiacerebbe ritornare a Cava, ovvero Eziolino Capuano e Sasà Campilongo. Il primo, già allenatore alla fine degli anni ’90, era stato accostato alla Cavese nel day-after de “La Notte Blufoncé”, ma la società ha prontamente smentito il tutto per tutelare Modica. Ma adesso che il mister siciliano ha lasciato il club, potrebbe esserci un ritorno di fiamma.

Campilongo invece ha guidato la Cavese dalla Serie C2 alla C1 nel 2005-06, anno della tragica scomparsa di Catello Mari. Il tecnico napoletano, attualmente sotto-contratto con il Savoia, non ha lasciato intendere nulla su una possibile seconda avventura a Cava, in un’intervista a Metropolis. Queste le sue parole: “Sono solo voci. Sono stato presente alla festa del centenario e i tifosi mi chiedevano di tornare, anche se allora non era ancora arrivato il divorzio con Modica. È una piazza in cui sono stato benissimo.

Il mister non si è scomposto più tanto, mentre sul taccuino ci sarebbe anche un terzo nome: quello di Domenico Zito, tecnico che ha ottenuto degli ottimi risultati con la Cittanovese in Serie D e potrebbe fare un salto di categoria importante. Infine, rumors parlano anche di Francesco Moriero e Gaetano D’Agostino, due ex-calciatori che hanno militato in Serie A.

Dunque i nomi ci sono, ma probabilmente verranno fuori altri nel corso dei prossimi giorni. Possibile anche che la decisione del tecnico passi anche per il direttore sportivo che prenderà il posto di Giuseppe Pavone. Il nome di Francesco Lamazza è quello più vicino alla società metelliana ma la firma non arriverebbe prima di inizio luglio, quando il ds si libererà del contratto con la Sambenedettese.