HomeSportCalcioCavese, Fariello entusiasta: "Stiamo rivivendo i tempi felici"

Cavese, Fariello entusiasta: “Stiamo rivivendo i tempi felici”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
93,017
Totale Casi Attivi
Updated on 3 August 2021 9:37
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Antonio Fariello è stato intervistato da Gianluca di Marzio e ha tracciato il bilancio dal suo ritorno alla ribalta. Parole d’oro per i baby talenti aquilotti

Momento magico in casa Cavese: dopo le otto vittorie consecutive e i 4 punti recuperati sul Potenza (ora a -1), c’è entusiasmo nel clan metelliano. A sottolinearlo è stato anche il patron Antonio Fariello, in un intervista rilasciata per Gianluca Di Marzio.

Queste le sue parole: “Qui a Cava de’ Tirreni si è creato di nuovo un clima magico. Si stanno rivivendo i tempi dell’era Campilongo (dove lo stesso Fariello era presidente). I nostri tifosi meritano il professionismo e sono l’anima della rinascita. Cercheremo di dare soddisfazioni e dobbiamo pensare prima a questo campionato di Serie D, poi guarderemo al futuro.”

Fariello ha anche raccontato gli inizi della nuova era: “Non dimentico quando abbiamo acquisito di nuovo il club: c’erano 4-5 giovanissimi, nulla più. Quando partimmo il 30 luglio, eravamo 10, compresi staff, magazzinieri e calciatori. Abbiamo rispettato il budget di mercato ed il nostro era uno tra i più bassi. Devo ringraziare Raffaele Sergio per questo. Abbiamo costruito insieme a lui un gruppo di uomini educati ed umili e per me questo vale molto.”

Sulla prossima finestra di mercato: Non abbiamo intenzione di fare cambiamenti, ma staremo attenti. Però se ci sono giocatori intenzionati a venire da noi, dovranno farlo con umiltà e sapere di entrar a far parte di un gruppo forte.”

Infine menzione dedicata ai giovani di belle speranze: “Ci sono 4-5 giovani davvero bravi. Partendo dal nostro portierino Luca Bisogno, 17 anni, che ogni domenica riceve visite da osservatori di Serie A e B. Marino e Carotenuto sono molto richiesti, così come Christian Nunziante, anche se gioca meno.”