Cava de’ Tirreni, la questione furti arriva in Consiglio Comunale



cava
diritti riservati zerottonove.it - vietata la riproduzione

Cava de’ Tirreni, molti i punti controversi all’ordine del giorno in Consiglio Comunale. Continua a tenere banco la “questione ladri”

Si è tenuto oggi alle ore 17.30 il Consiglio Comunale in Palazzo di Città a Cava de’ Tirreni. Una volta stabilita la presenza del numero legale di presenti necessari ad avviare la seduta, la Presidente ha dato il via al Consiglio che aveva molti punti all’ordine del giorno. Di particolare interesse per i cittadini la “questione furti e la delibera sulla creazione di un’azienda rivolta al sociale d’intesa con i comuni della Costa d’Amalfi.

La seduta si è aperta con la manifestazione di solidarietà ai dirigenti comunali coinvolti in episodi di violenza nelle ultime settimane. Dopo sollecitazioni da parte del consigliere Galdi, il Sindaco di Cava de’ Tirreni Vincenzo Servalli ha ribadito il sostegno del Comune ai dirigenti vittime di aggressione e ha comunicato l’apertura di un’indagine interna oltre a ribadire che l’Ente si è dichiarato parte civile riguardo a queste vicende.

Per quanto riguarda la “questione ladri“, sono previste a breve importanti novità. Il Sindaco ha infatti annunciato un incontro previsto domani mattina in Prefettura con i vertici di Guardia di Finanza, Carabinieri e Prefetto per chiedere maggiore presenza e mezzi delle forze dell’ordine sul territorio. Il primo cittadino ha inoltre invitato i cittadini a non organizzarsi autonomamente in ronde notturne, per evitare scontri con i malviventi che potrebbero essere armati e quindi molto pericolosi per l’incolumità delle persone. “Invito i cittadini alla prudenza e all’attenzione. In passato a Cava de’ Tirreni abbiamo avuto già problemi di questo tipo e li abbiamo risolti con successo e lo stesso faremo anche questa volta” ha dichiarato il Sindaco.

Su richiesta dello stesso Sindaco, sono state anticipate le delibere sui punti 8 e 9. Per quanto riguarda il punto 8, l’assise ha dato il via libera al passaggio dall’ex piano di zona all’Azienda consortile. La nuova azienda servirà a dare una maggiore risposta ai bisogni delle fasce più deboli e per coordinare le attività sociali. Sul tema garanzia degli stipendi degli operatori del settore ogni decisione sarà presa in futuro dal nuovo ente che è del tutto autonomo anche se avrà componenti dei vari Comuni partecipanti.

Riguardo al punto 9, il Consiglio Comunale ha dato il via libera alla cessione del sottosuolo dell’immobile tra via Veneto e via XXV Luglio, per un totale di 68.000 euro circa. Il privato che acquista l’immobile costruirà dei parcheggi interrati su due livelli per un totale di 335 mq. L’ok è arrivato nonostante il parere negativo del consigliere Monetta che ha sollevato dubbi sulla convenienza dell’affare e sui possibili oneri a carico del Comune di Cava de’ Tirreni che potrebbero sopraggiungere in caso di malfunzioni. Al consigliere sono state date rassicurazioni in merito ma, nonostante il lascia passare, restano perplessità e punti d’ombra sulla cessione dell’immobile.

 

Leggi anche