Campioni di vita: Lucchetta, Tapia e Maspero a Salerno



Salerno campioni di vita

Presentato questa mattina al Teatro Augusteo di Salerno l’evento “Campioni di vita”, con la presenza di Lucchetta, Tapia e Maspero

Questa mattina al Teatro Augusteo, dinnanzi ad oltre 500 studenti di sei istituti superiori di Salerno, è stato presentato l’evento “Campioni di vita“. Un’occasione per avvicinare i giovani allo sport e parlare dei valori educativi di questo.

L’iniziativa, promossa da RG in collaborazione con Intesa Sanpaolo, ha visto la presenza di tre grandi atleti italiani: Oney Tapia, medaglia d’argento ai recentissimi Mondiali Paralimpici di Dubai nel lancio del disco per non-vedenti, Federica Maspero, argento Mondiale sui 400 metri categoria amputazione e il campione del mondo con la nazionale di pallavolo Andrea Lucchetta. “Qualunque sia la disciplina che, per passione o per predisposizione si sceglie, essa rappresenta un valore se oltre a viverla e a praticarla si riesce a raccontarla – ha spiegato Andrea LucchettaL’animazione sportiva fatta in palestra, dentro un campo da gioco, in un palazzetto o un teatro come è avvenuto oggi in questa meravigliosa atmosfera, rappresenta il punto di contatto più rapido e coinvolgente  per trasmettere ai giovani i veri valori che conducono al conseguimento dell’obiettivo e non necessariamente alla vittoria: la determinazione, la passione, il rispetto per la propria vita e per quella degli altri e il senso d’integrazione e solidarietà. Parole che devono mantenere un significato profondo, dentro e fuori la competizione sportiva, perché la vera vittoria è raggiungere un obiettivo non per forza vincere.

Ho visto un teatro Augusteo traboccante di giovanissimi. ha dichiarato il Sindaco, Vincenzo Napoli E’ una sensazione emozionante perchè io vedo in loro la futura classe dirigente. Quella classe che si caricherà di responsabilità che vanno oltre ogni misura. Sono la nostra speranza. Consacrare con una giornata consacrata allo sport, quello nobile, con campioni quale Lucchetta, due campioni paralimpiaci, rappresenta in qualche modo un’azione simbolica che detta le regole di un vivere civile, di un’amicizia tra le persone senza il filtro dei mass-media, ma la possibilità di condurre un’esperienza di realtà, amicizia e competizione sana che in qualche modo è maestra di vita.

Leggi anche