Bianchi salva la Salernitana, 1 a 1 a l’Aquila.

Bianchi pareggia a 2 minuti dalla fine il goal di Pomante, la Salernitana coglie un punto d’oro in Abruzzo.

La Salernitana a L’Aquila parte con Gori tra i pali, l’inedita coppia difensiva Sembroni-Bianchi al centro con ai lati Scalise a destra e Pasqualini a sinistra.In cabina di regia Pestrin prende il posto dello squalificato Perpetuini con Montervino a completare il centrocampo, attacco formato dal trequartista Pasquale foggia in appoggio al tridente Mancini, Mendicino, Gustavo. Di contro l’Aquila si schiera con Testa in porta, difesa composta dal quartetto  Zaffagnini, Dallamano, Scrugli ,Pomante, centrocampo con Corapi, Agnello e Del Pinto in supporto al tridente d’attacco composto da Frediani, De Sousa e Ignacio Pià.

L’Aquila parte meglio della Salernitana e cerca di fare fin da subito la partita ma, al 17’esimo, sono i granata ad andare vicinissimi al goal con una conclusione di Pasquale Foggia bloccata in 2 tempi sulla linea di porta dall’estremo difensore rossonero Testa. Al 22’esimo sono ancora i granata a sfiorare il goal: cross di Gustavo e il difensore aquilano Zappagnini, per anticipare Mendicino, devia maldestramente il pallone sulla base del palo. Subito dopo il giovane italo-brasiliano si rende ancora pericoloso con una bella conclusione a giro parata con bel colpo di reni da Testa. L’Aquila al 29’esimo crea la prima occasione goal della sua partita: su calcio di punzione di Frediani è del Pinto che,con una deviazione di petto, sfiora di poco la rete. 10 minuti dopo è ancora la formazione aquilana a rendersi pericolosa con Pià che non riesce a deviare in rete un cross rasoterra di Corapi.

Senza recupero si và negli spogliatoi: 0 a 0 a fine primo tempo.

 

Bianchi
Claudio de Sousa: il miglior marcatore dell'Aquila in questo campionato

In avvio di ripresa l’Aquila passa subito in vantaggio: cross tagliato in area e Pomante in spaccata manda il pallone in rete dove Gori non può arrivare, 1 a 0 per gli abruzzesi al sesto della ripresa. All’undicesimo la Salernitana si scuote: combinazione Mancini-Mendicino con una bella conclusione di quest’ultimo parata bene da Testa. La partita a questo punto decolla definitivamente,2 minuti dopo è l’Aquila ad andare vicina al raddoppio: Gori è provvidenziale di pugno su una bella conclusione di Pià. Al 15’esimo Gregucci vara il primo cambio: fuori un deludente Mancini e dentro Fofana. La Salernitana prova ad aumentare il forcing con il passare dei minuti, Mendicino cerca di mettersi in proprio con alcune conclusioni che non centrano lo specchio della porta. Al 38’esimo è Scalise ad avere la palla del pareggio,ma, purtroppo, non riesce a deviare il pallone in rete su mischia nata da calcio d’angolo. Al 41’esimo arriva l’insperato pareggio: Foggia calcia un precisa punizione in area su cui irrompe Bianchi di testa, 1 a 1 e i granata acciuffano il pari. Dopo 8 interminabili minuti di recupero finisce il match: la Salernitana coglie un punto importantissimo a l’Aquila e continua la sua rincorsa ai play-offs.

 

L’AQUILA – SALERNITANA 1-1

L’Aquila (4-3-3): Testa; Scrugli, Zaffagnini, Pomante, Dallamano; Agnello (1’st Gallozzi), Corapi, Del Pinto; Pià (36’st Libertazzi), De Sousa, Frediani (23’st Maltese). A disp.: Addario, Ingrosso, Ciciretti, Vettraino, Libertazzi. All.: G. Pagliari.

Salernitana (4-2-3-1): Gori, Scalise, Bianchi, Sembroni, Pasqualini (39’st Mounard); Pestrin, Montervino; Foggia, Mancini (14’st Ampuero), Gustavo (14’st Fofana); Mendicino. A disp.: Berardi, Luciani, Piva, Volpe. All.: Gregucci.

ARBITRO: Fiore di Barletta.

RETI: 7’st Pomante (AQ), 42’st Bianchi (S).

AMMONITI: Montervino (S), Bianchi (S), Pestrin (S), Pasqualini (S), Testa (AQ), Libertazzi (AQ), Maltese (AQ).

ESPULSI: nessuno.

 Minuti di recupero: 0’pt, 8’st. Angoli: 4-3.