Home Territorio Battipaglia Classi in quarantena a Battipaglia, ma scompaiono i tamponi. L'assurdo caso

Classi in quarantena a Battipaglia, ma scompaiono i tamponi. L’assurdo caso

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
805,947
Totale Casi Attivi
Updated on 23 November 2020 12:47
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Scomparsi ben 18 tamponi effettuati sugli studenti di una classe V della scuola “Calamandrei” di Battipaglia. Dall’Asl l’indiscrezione: “Non si trovano”

Possono i risultati di 18 tamponi scomparire nel nulla? È quello che è accaduto ad alcune classi elementari a Battipaglia.  

La gestione caotica dei tamponi è sotto la lente di ingrandimento di diversi sindaci della provincia di Salerno, nonché dal Governatore De Luca. A Battipaglia, in queste ore, si sta consumando un caso che ha dell’assurdo e che confermerebbe le teorie di chi sta criticando, da diverse settimane a questa parte, proprio la gestione dei tamponi sul territorio.

Ma procediamo con ordine.

Lo scorso martedì 20 ottobre ha fatto notizia la positività al Covid-19 di una docente della Scuola Elementare Calamandrei, plesso distaccato dell’Istituto Comprensivo Marconi. L’esito del tampone ha fatto scattare immediatamente i protocolli sanitari che hanno portato alla quarantena due classi: IV A e V A.

Una madre, immediatamente allarmata dalla notizia, ha fatto sottoporre al tampone la figlia. Nella giornata di venerdì 23 ottobre il risultato: la ragazzina è positiva. Accertato il primo caso di Covid-19 tra i banchi. Sono occorsi tre giorni per ottenere il certificato.

I bambini, pertanto, sono stati sottoposti lo scorso mercoledì 21 ottobre al tampone presso il centro USCA di Campigliano. I genitori, in attesa dei risultati, si sono posti autonomamente in isolamento fiduciario. Dopo quattro giorni dagli accertamenti sopraggiungono i primi risultati: 5 bambini sono positivi al Coronavirus. La comunicazione viene effettuata attraverso un SMS arrivato allo smartphone del genitore, il quale reindirizza ad un link che conferma la positività o meno del bambino. Si tratta di studenti della classe V A. La V A è composta da 23 bambini.

La domanda, quindi, sorge immediata: che fine hanno fatto gli altri 18 tamponi?

I genitori hanno aspettato sino ad oggi, quando hanno fatto richiesta di delucidazioni all’USCA di Campigliano e ad un altro centro convenzionato nel Napoletano. L’esito di tali istanze? Nullo. Nessuna risposta. I tamponi non si trovano, come se fossero spariti nel nulla. Intanto sono certe le positività di 6 bambini al Covid-19: le prime tracce di un vero e proprio focolaio nell’istituto di via Livatino. Un focolaio che, presumibilmente, è nato prima dell’interruzione delle attività didattiche. Ultimo giorno in classe lo scorso 15 ottobre.

Le indicazioni per avere l’esito del referto

Nel frattempo, altre tre professoresse risultano positive al Covid-19. La didattica a distanza, già particolarmente complessa da applicare per gli studenti di una scuola primaria, viene ulteriormente compromessa dalla positività delle docenti di matematica, italiano e geo-storia, tra le principali materie insegnate. Le professoresse, a questo punto, vengono sostituite da supplenti. 4 sono le professoresse contagiate, 2 di loro sintomatiche, una asintomatica, ma costretta comunque a dover prendere “giorni di malattia”.

Dal 21 al 26 ottobre il silenzio, rotto soltanto dalla Dott. ssa Anna Maria Nobile, dirigente dell’Asl di Salerno e referente dell’Area interdistrettuale Eboli/Buccino – Battipaglia. Alle continue richieste a lei pervenute da parte dei genitori, di sapere l’esito – o meglio – la posizione dei tamponi e dei relativi referti, sarebbe giunta una risposta lapidaria: “Non si trovano”. Come si intende dai messaggi, pare che la dottoressa abbia risposto in tal senso ad un genitore. Questi messaggi sono poi stati inoltrati in un gruppo Whatsapp delle mamme della V A:

Scomparsi? Persi irrimediabilmente? Di chi è la colpa? 

Domande a cui, sicuramente, qualcuno dovrà dare risposta. Nel frattempo, ormai da una settimana i bambini si trovano in quarantena, e come loro anche i genitori che hanno momentaneamente dovuto sospendere le loro attività lavorative. Un disagio nel disagio, a Battipaglia che, si spera possa, trovare nel più breve lasso di tempo una soluzione.