Baronissi: Cosimato, De Simone e Notari formano il gruppo consiliare “Idea Comune”

baronissi

Novità nel panorama politico a Baronissi, i consiglieri Cosimato, De Simone e Notari sottolineano, con sempre più efficacia, le difficoltà a sostenere l’amministrazione Valiante

I Consiglieri Comunali del Comune di Baronissi, Cosimato Francesco, De Simone Francesco e Notari Angelo, a meno di un anno dalla verifica amministrativa, devono rilevare che, malgrado gli sforzi compiuti nel corso della consiliatura da parte di quasi tutti i membri di maggioranza, tesi a correggere il modus operandi dell’amministrazione Valiante, non si sono avuti apprezzabili modifiche tali da  poter significativamente far emergere le differenze con le passate gestioni e rispettare gli impegni presi in campagna elettorale, in particolare sullo sviluppo sostenibile, sulle priorità al sociale e sulla condivisione e partecipazione dei cittadini alle scelte amministrative. Gli sforzi fatti sono stati numerosi, con l’obiettivo di cementare l’amministrazione intorno ad un’idea condivisa di città e di sviluppo, che contenesse in sé una programmazione forte e un modo di governare partecipato. Ci sono state, nel corso dei mesi, diverse richieste di “verifiche politiche”, ma l’ultima in ordine di tempo e forse l’unica che abbia avuto un taglio politico amministrativo risale ormai ad oltre due anni addietro. Abbiamo dovuto verificare, nostro malgrado, che da allora le azioni messe in campo dalla giunta comunale si sono spesso rivelate in contrasto con le richieste portate avanti dai consiglieri comunali. Gli esempi si sprecano, vogliamo ricordare, per chiarire efficacemente la nostra posizione, solo alcune delle “differenze di vedute”:

  • In ambito urbanistico– in particolare sulla vicenda Puc, allorquando le diverse visioni tra i consiglieri comunali e l’assessore al ramo si sono evidenziate con estrema durezza, fino a costringerci a presentare, nel Consiglio comunale del 30 ottobre 2017, tre emendamenti. Per continuare possiamo ricordare la vicenda relativa agli impianti a biomasse, su cui abbiamo dovuto rincorrere il problema e riparare alle fughe in avanti di qualche membro della giunta.
  • In ambito finanziario, le scelte portate avanti dall’esecutivo hanno rischiato in più occasioni di far saltare il tavolo, in quanto molte delle azioni finanziate con il bilancio comunale non sono state del tutto condivise e tutt’ora rimane la distanza tra le priorità indicate dai sottoscritti e le scelte effettuate dalla Giunta, ultimo esempio la “sostituzione” del funzionario addetto alle entrate.
  • In ambito ambientale, avevamo chiesto un cambio di passo che non si è mai realizzato, anzi l’unica azione messa in campo è stata la sostituzione, diversi mesi or sono, del tecnico comunale, da tutti considerato il più esperto in materia; non vogliamo entrare nel merito delle lungaggini sull’affidamento del servizio.
  • Tralasciamo, per economia di spazio, ogni considerazioni su eventi turistici e culturali e sulle reali ricadute sul territorio.

Siamo arrivati al paradosso di Assessori  che pubblicamente si sono dissociati con le determinazioni assunte dallo stesso Sindaco e dal Consiglio Comunale, senza poi porre in atto nessuna azione consequenziale; abbiamo dovuto rilevare l’assoluta  mancanza di informazione verso il gruppo Consiliare, da parte della Giunta, su fatti che hanno interessato la nostra comunità in maniera forte e con grande esposizione mediatica, situazioni che hanno costretto il Sindaco, i Consiglieri e la stessa Giunta a ricorrere in extremis a soluzioni dettate dalla fretta e sotto la pressione dell’opinione pubblica. Altre volte sono stati spacciati per “obbligatori” fatti e circostanze che poi si sono rilevati superabili e modificabili. Alla luce di quanto esposto e nella convinzione che condividere significhi assumersi collegialmente le responsabilità della gestione amministrativa, i sottoscritti consiglieri, nel comunicare la costituzione di un nuovo gruppo denominato “Idea Comune” per Baronissi, vogliono evidenziare la propria difficoltà nel continuare a sostenere, senza essere coinvolti nelle scelte, le azioni di questa amministrazione. Pur rimanendo nel perimetro della maggioranza, valuteremo ogni singola proposta e decideremo di volta in volta quale determinazione assumere.