Home Territorio Baronissi Baronissi, due nuovi casi di Covid-19 in città. Tra questi c'è un...

Baronissi, due nuovi casi di Covid-19 in città. Tra questi c’è un bimbo

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
203,182
Totale Casi Attivi
Updated on 24 October 2020 18:41
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

A dare l’annuncio il sindaco di Baronissi, Gianfranco Valiante che rammenta: “Segnalati gravi ritardi nella gestione dei tamponi”

Baronissi – “Registriamo purtroppo ancora due cittadini risultati, nella giornata di ieri, positivi al Covid: una persona adulta e un bimbo già da tempo in isolamento domiciliare a causa della già accertata positività al contagio del papà e della sorellina.” Con queste parole Gianfranco Valiante, sindaco di Baronissi, ha informato la cittadinanza relativamente ai nuovi casi di Covid.

Entrambi i nuovi contagiati sono asintomatici e stanno bene. Sono complessivamente trentuno ad oggi i cittadini positivi al Coronavirus nella città della Valle dell’Irno, tutti risultati tali dall’inizio del mese di ottobre ad oggi.

“Ad essi, alle loro famiglie il mio più affettuoso abbraccio con l’augurio di mettere al più presto alle spalle, questa non bella esperienza” – ha commentato Valiante.

Caos tamponi

Valiante torna poi a parlare dei problemi, riscontrati soprattutto negli ultimi giorni, nella gestione dei tamponi. “In ordine alle gravi difficoltà in cui si dibatte l’ASL nella gestione dei tamponi – sia in termini di effettuazione sia in termini di comunicazione degli esiti i cui gravi ritardi indubitabilmente contribuiscono ad elevare apprensione e tensione nei cittadini e nelle famiglie – la nostra sollecitazione è ormai quotidianamente permanente. La gestione di un numero di tamponi decuplicato rispetto all’inizio – ciò che già si conosceva – avrebbe imposto un’organizzazione rafforzata e ottimizzata. Dall’Unità di Crisi Regionale, cui pure mi sono rivolto ieri per segnalare i gravi ritardi nella gestione dei tamponi e le gravi ripercussioni che questo determina, hanno assicurato che le ASL starebbero per adottare un più efficace sistema organizzativo.”