Baronissi, installata una centralina Arpac per monitorare l’inquinamento

baronissi

Il monitoraggio dell’aria durerà circa un mese e permetterà di analizzare il grado di inquinamento su tutto il territorio di Baronissi, in modo tale da poter pianificare eventuali interventi mirati ed efficaci

E’ stato installato questa mattina a Baronissi, in via Capacchione e più precisamente nel cortile della scuola di Sava, il laboratorio mobile dell’Arpac relativo al monitoraggio della qualità dell’aria. L’ufficialità è arrivata direttamente dal Sindaco del Comune irnino Gianfranco Valiante che ha chiesto e ottenuto l’immediata installazione delle centraline, incassando le sollecitazioni di un centinaio di famiglie della zona e del consigliere comunale Francesco De Simone.

Il campionamento durerà circa un mese e verificherà la qualità dell’aria nelle singole fasce orarie giornaliere, con una metodica tale che il laboratorio consentirà di monitorare sia gli eventuali inquinanti del raccordo autostradale Salerno – Avellino che quelli dell’area industriale.

 “La qualità dell’aria è un obiettivo primario per la tutela ambientale urbana” – spiega il sindaco Valiante –” e per questo il laboratorio sarà una fonte di dati utili per pianificare eventuali interventi mirati ed efficaci”.

Dopo aver raccolto in primi dati, l’Arpac invierà il report necessario per capire se la presenza delle polveri sottili nell’aria rientra nella norma, così da decidere le azioni da intraprendere per tutelare la salute dei cittadini.

“Occorre raccogliere dati precisi in tempo reale sull’eventuale inquinamento atmosferico”prosegue l’assessore Serafino De Salvo – “perchè il controllo e la gestione della qualità dell’aria rappresentano uno dei temi prioritari collegati alla tutela dell’ambiente. Le centraline potranno assicurare un quadro affidabile della situazione in città e rappresentano uno strumento utile per gli amministratori e di garanzia per i cittadini”.