HomeAttualitàBaronissi, allarme furti: Valiante scrive al Prefetto

Baronissi, allarme furti: Valiante scrive al Prefetto

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
507,169
Totale Casi Attivi
Updated on 3 December 2022 13:39
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Aumento dei furti nelle abitazioni, molti nelle ore serali e con le persone in casa. Il Sindaco di Baronissi chiede aiuto al Prefetto

Il sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante ha scritto al Prefetto di Salerno Francesco Russo per chiedere la convocazione di una seduta straordinaria del Comitato di Ordine e Sicurezza Pubblica che affronti l’emergenza furti sul territorio. “Registriamo a Baronissi e in tutta la Valle dell’Irno un aumento di furti nelle abitazioni – spiega il sindaco molti addirittura nelle ore serali e con la presenza di persone in casa. Malgrado la sinergia con il Prefetto e le forze dell’ordine, il fenomeno purtroppo permane e la preoccupazione nelle famiglie è forte. I Carabinieri profondono il massimo impegno ma evidentemente non basta: dal punto di vista quantitativo, nella nostra città e non solo, gli organici sono inadeguati. Poniamo in essere ogni azione di prevenzione e abbiamo integrato e rafforzato gli impianti di videosorveglianza ma senza uniformi il problema è destinato a permanere”.

Le zone più colpite dai malviventi sono Antessano, Aiello, Orignano e via Fondo Pagano. “Negli ultimi anni abbiamo potenziato il sistema di videosorveglianza nei luoghi e negli spazi più sensibili e a rischio con telecamere per la lettura delle targhe e multisensor, posizionate nei punti strategici e di accesso alla città. Siamo attenti anche alla manutenzione degli impianti che servono per contrastare la criminalità sul territorio. Una città videosorvegliata è una città più sicura ma sollecitiamo una presenza maggiore di forze dell’ordine perché il territorio è vasto e i numeri di Polizia e Carabinieri non sono sufficienti per debellare un fenomeno che turba e spaventa l’intera comunità”.