Autunno Einaudi a Cava: incontri con Fortunato Cerlino ed altri autori

autunno einaudi, fortunato cerlino
Foto: Instagram Fortunato Cerlino

Cava “Città che legge” organizza tre incontri per l’Autunno Einaudi: il primo si terrà venerdì 12 ottobre, mentre per la chiusura ci sarà Fortunato Cerlino

“Autunno Einaudi” a Cava de’ Tirreni. Nell’ambito del riconoscimento di “Città che legge”, l’Assessorato alla Cultura, con la partnership della Giulio Einaudi Editore, ha organizzato tre incontri, tutti presso il Salone delle Conferenze del Monastero di San Giovanni, al corso Umberto I, 167 (inizio alle ore 18.30), con autori di rilievo nel panorama letterario italiano, organizzati con una delle maggiori e più prestigiose case editrici internazionali.

Venerdì 12 ottobre, in prima nazionale, “Sabbia Nera” di Cristina Cassar Scalia, di cui sono già stati opzionati i diritti cinema e tv, ed è il primo romanzo con protagonista il vicequestore Vanina Guarrasi. All’incontro con l’autore, parteciperà la giallista noir emergente, Letizia Vicidomini, brani del romanzo saranno letti da Pina Viviano.

Sabato 27 ottobre, invece, sarà la volta di una prima regionale con Nadia Terranova che presenta: “Addio Fantasmi”, un libro che racconta la vita di Ida, della scomparsa del padre. Non è morto: semplicemente una mattina è andato via e non è più tornato. Sulla mancanza di quel padre si sono imperniati i silenzi feroci con la madre, il senso di un’identità fondata sull’anomalia, persino il rapporto con il marito, salvezza e naufragio insieme.

Sabato 10 novembre, si chiude la trilogia con un’altra prima regionale. Protagonista Fortunato Cerlino con “Se vuoi vivere felice”, la storia di un bambino della periferia napoletana, salvato dalla fantasia. In pratica una autobiografia dell’attore di Gomorra interprete del personaggio di don Pietro Savastano, che da grande vorrebbe fare il cantante neomelodico, ma anche l’attore, l’astronauta, oppure può raccogliere da terra la Smith & Wesson 357 Magnum di Patrizio, ‘o figlio dô Bulldog, e mettersi a sparare come tanti altri.