HomeAttualitàLa ripresa delle attività nel post estate de La Solidarietà di Fisciano

La ripresa delle attività nel post estate de La Solidarietà di Fisciano

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
73,729
Totale Casi Attivi
Updated on 23 October 2021 3:25
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Un’estate impegnativa è stata quella dei volontari de La Solidarietà di Fisciano. Ma, adesso, l’impegno dell’associazione si intensificherà

Una stagione estiva intensa, ricca di impegni, sia sul piano emergenziale che su quello socio-assistenziale, con un occhio vigile sull’evoluzione dell’emergenza sanitaria, tenuta sempre sotto controllo con dedizione e professionalità. L’Associazione di Volontariato “La Solidarietà” di Fisciano si appresta a chiudere l’estate con un bilancio molto più che positivo.

Particolarmente vivace è stata, e lo è tuttora, la campagna vaccinale, con la postazione allestita presso il centro vaccinale di Fisciano, nel quale, sin dalla sua inaugurazione, avvenuta lo scorso mese di marzo, ha funzionato a pieno regime con le somministrazioni di siero anti-Covid che vengono iniettate ogni giorno alla popolazione locale e non.

Ora, con l’imminente riapertura delle scuole, l’attività del sodalizio con sede a Lancusi, si intensificherà sia sul fronte vaccini che su quello di controllo assistenziale ai bambini e ragazzi che frequentano le scuole del territorio.

Sento il dovere di congratularmi con tutti i volontari – ha commentato il Presidente de “La Solidarietà” Alfonso Sessa – questi ragazzi stanno compiendo un lavoro straordinario che li vede impegnati h24 in svariate attività. Con la ripresa post-vacanze estive ci sarà un impegno ancora maggiore che si traduce in grande forza di volontà che i nostri uomini e donne sicuramente saranno pronti di mettere in campo”.

Il primo banco di prova sarà l’apertura degli istituti scolastici, quando a metà settembre gli alunni dovranno tornare tra i banchi di scuola e far un rientro in totale sicurezza, scongiurando il pericolo Dad, che rappresenta un disagio per alunni e docenti.