Home Territorio Cava de' Tirreni Anpana Onlus denuncia il grave stato in cui versano gli scarichi fognari...

Anpana Onlus denuncia il grave stato in cui versano gli scarichi fognari di Cava de’ Tirreni

Covid-19

Italia
13,368
Totale Casi Attivi
Updated on 11 August 2020 7:34
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Anpana Onlus ha monitorato lo stato delle acque del torrente Rotolo-Maddalena. I sopralluoghi hanno evidenziato che vi sono sversamenti abusivi

[ads1]  L’ANPANA ONLUS Guardie Ecozoofile, sezione provinciale di Salerno, con sede operativa in Cava de’ Tirreni, nei giorni scorsi, dopo le attività già svolte nella frazione San Martino, ha provveduto a monitorare lo stato  del torrente Rotolo-Maddalena di Cava dei Tirreni.

- Advertisement -

 Le attività di accertamento hanno visto interessare lo scarico fognario, continuo ed ininterrotto, confluire i propri liquami maleodoranti, dapprima in un canale di raccolta delle acque meteoriche che successivamente scaricava nel vallone/torrente Rotolo.  Dopo un breve sopralluogo rilevavano che detto scarico proviene dalla località sala, senza però identificare, al momento, i responsabili. Si aggiunge che il predetto torrentesi congiunge con il torrente Bonea e successivamente  sfocia nel mare. Con lo sversamento  nel torrente  si accertava  un accentuato intorbidimento ed emanano nauseanti esalazioni, puzze tipiche degli scarichi provenienti dalle reti fognarie. Si è accertato che lo scarico  illecito  non sia occasionale , bensi continuo. Tale sversamennto di tale acque reflue ha causato un alterazione paesaggistico – ambientale sul torrente provocando una degenerazione estetica ambientale. I reflui non trattati possono arrivare sotto costa con conseguenze igieniche ed estetiche evidentemente sgradevoli e talvolta pericolose, possono infatti deteriorare significativamente la qualità dell’acqua, possono causare l’aumento di mortalità dei pesci e minacciare interi ecosistemi.  Il mancato trattamento e la mancata depurazione comporta l’inquinamento del torrente Rotolo-Maddalena-Bonea e del mare con inevitabile conseguenze a danno della fauna selvatica, delle piante e della nostra salute. Le possibili patologie che si possono contrarre sono: gastroenteriti, dermatiti e disturbi respiratori in acque di balneazione che ricevono scarichi urbani non trattati.

Quindi bisogna rispettare e far rispettare le norme vigenti in maniera di tutela delle acque dall’inquinamento, le norme sanitarie e le disposizioni del D.Lgs. 152/06.

Il responsabile provinciale, Vincenzo Senatore, ha dichiarato che l’informativa è stata depositata presso la Procura Della Repubblica di Nocera Inferiore, Chiedendo l’apertura del fascicolo d’indagine processuale a carico di persone da identificare.

[ads2]

LiveZon
zerottonove