Anas, tenutosi l’incontro presso la Prefettura di Salerno per la gestione della circolazione in costiera



Anas si è impegnata a recepire le istanze avanzate dai rappresentanti territoriali circa il passaggio dei bus turistici in costiera

Si è tenuta nel tardo pomeriggio di ieri, presso la Prefettura di Salerno, una riunione finalizzata a discutere della mobilità lungo la strada statale 163 “Amalfitana”, anche in considerazione dell’imminente periodo estivo. All’incontro hanno preso parte, tra gli altri, rappresentanti della Prefettura e della Provincia di Salerno, della Regione Campania, della Conferenza dei Sindaci della Costa d’Amalfi, di Anas e delle Forze dell’Ordine.

Durante l’incontro, rappresentanti della Conferenza dei Sindaci della Costa d’Amalfi hanno avanzato alcune richieste relative alla circolazione in costiera; nel dettaglio – per ciò che compete ad Anas in qualità di Ente gestore della SS163 – questi ultimi hanno proposto un’estensione dell’attuale limitazione al traffico lungo la 163 “Amalfitana” sancita dal punto n. 5 dell’Ordinanza 29/2013.

Nel dettaglio, la Conferenza dei Sindaci ha proposto di estendere il divieto di transito degli autobus turistici (di dimensioni superiori agli 8 metri di lunghezza) oltre che agli attuali giorni festivi indicati in Ordinanza – ovvero Pasqua, Pasquetta, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno, 15 agosto, 1 e 2 novembre, 8 dicembre, 24, 25, 26 e 31 dicembre – anche a tutti i giorni prefestivi e festivi dell’anno (fino al prossimo 31 ottobre), nonché in concomitanza con i due lunghi ponti che cadranno tra il 1° ed il 4 giugno e tra il 12 ed il 15 agosto.

Anas – al fine di recepire le richieste del territorio – si è quindi impegnata ad emettere un’apposita Ordinanza, il cui provvedimento sarà in vigore dal prossimo 1° giugno. Allo scopo di tutelare i diritti acquisiti precedentemente alla data odierna, Anas ha comunque chiesto ai Comuni (in virtù del sistema derogatorio in capo a tali Enti) di garantire la libera circolazione dei mezzi turistici precedentemente autorizzati al passaggio.

Il Tavolo si riunirà nuovamente, a breve, per valutare altre e diverse proposte relative all’anno venturo.

Leggi anche