Home Politica Aliquote "più rosa": ecco le 3 proposte della Fondazione Belisario a favore...

Aliquote “più rosa”: ecco le 3 proposte della Fondazione Belisario a favore delle lavoratrici

Covid-19

Italia
13,368
Totale Casi Attivi
Updated on 11 August 2020 8:34
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Un manifesto per ottenere “aliquote più rosa”. Oggi, in risposta al messaggio di Letta, la Fondazione Bellisario ha lanciato 3 proposte in concomitanza con il XIV Convegno “Donna Economia & Potere” svoltosi a Salerno.

La Fondazione, nella persona della Presidentessa Lella Golfo, ha richiesto una maggiore partecipazione delle donne all’interno del circuito lavorativo, affermando: “L’attuale regime fiscale, oltre ad essere insostenibile, distorsivo e iniquo, ha anche l’effetto di ostacolare il contributo delle donne al rilancio dell’economia nazionale, sia in termini di partecipazione femminile al lavoro sia in termini di prassi nel rapporto tra famiglie ed Erario”.
Così, in conclusione della XIV Edizione del Seminario, le relatrici approfittano dello spunto offerto dal premier per promuovere nuove idee.
- Advertisement -

Il premier Enrico Letta

Nel suo messaggio diretto al Convegno – dichiara Golfo – il Presidente del Consiglio Enrico Letta ci ha rivolto un’esplicita richiesta d’idee e contributi, e oggi noi rispondiamo proponendo un semplice ‘Manifesto su Donne e
Fisco’ articolato in tre punti: IVA, moneta elettronica e tessera di fedeltà fiscale“.
In sintesi, la Fondazione chiede di correggere le distorsioni sul secondo reddito familiare per favorire la partecipazione al lavoro femminile; introdurre una “smart tax” come strumento di educazione, e creare un allineamento degli interessi tra famiglie ed Erario.
In primo luogo, serve un modello fiscale premiante per l’uso di strumenti di pagamento elettronici tracciabili, con meccanismi di incentivazione al comportamento fiscale razionale e civico. Tutta l’IVA che verrà pagata dalle famiglie tramite moneta elettronica dovrà contribuire all’ottenimento di un bonus fiscale, che lo Stato si impegna a riconoscere sia a famiglie sia a esercenti che effettuano scelte trasparenti di spesa. La moneta elettronica deve quindi diventare “tessera di fedeltà fiscale” nel rapporto tra Stato e Cittadini. In secondo luogo, la tassazione del secondo reddito familiare in Italia è sottoposta a una delle aliquote marginali più elevate tra tutti i Paesi industrializzati, e tale regime ha l’effetto di disincentivare la partecipazione al lavoro femminile. È pertanto urgente riequilibrare gli effetti perversi dell’attuale regime di deduzioni e detrazioni fiscali familiari, eliminando le distorsioni e non penalizzando il secondo reddito familiare. 
In terzo luogo, è  necessario imitare le migliori prassi internazionali sulle cosiddette smart taxes che premiano i comportamenti dei contribuenti virtuosi: ciò è particolarmente importante in occasione del dibattito parlamentare sulla tassazione dei servizi in sostituzione dell’IMU, in particolare per quanto riguarda le tasse sullo smaltimento dei rifiutiLa Fondazione Bellisario si impegnerà” conclude “perché, dopo i successi ottenuti sulle quote rosa, il confronto si estenda anche ad “aliquote più rosa”, ovvero di un disegno complessivo del rapporto tra Erario e cittadini che favorisca – invece di penalizzare, come oggi – il fondamentale contributo femminile all’economia nazionale”.

LiveZon
zerottonove