Al via la XX edizione dell’Alburni Jazz & Blues Festival



Prende il via, domani mercoledì 7 agosto, sul palco allestito in piazza Ennio D’Aniello a Serre, la 20esima edizione dell’Alburni Jazz & Blues Festival che fino a domenica animerà il borgo ai piedi degli Alburni.

Ad aprire il cartellone firmato dalla direzione artistica di Daniele e Tommaso Scannapieco, sarà, domani sera alle ore 22, il sassofonista anglo-americano Ray Gelato and The Giants che da un ventennio conquista le platee dei festival insieme alla sua big band con stile, prestigio ed energia.

Giovedì sera ad inaugurare il palco sarà il nuovo quartetto del pianista Paolo Di Sabatino, in tour al fianco del chitarrista Umberto Fiorentino, membro storico dei Lingomania; nella seconda parte della serata è prevista l’esibizione del chitarrista statunitense Scott Henderson, leggenda vivente dell’universo fusion.

Venerdì sera sul palco si esibira’ il David Kikoski Trio guest Seamus Blake; a seguire, nella stessa serata, è prevista la chitarrista afroamericana Malina Moye, regina nera della scena musicale indipendente degli ultimi anni.

Sabato 10 Agosto ci saranno i Funk Off,  marching band fiorentina sorta nel 1998 da un’idea del sassofonista Dario Cecchini.

A porre il sigillo sulla kermesse, realizzata dall’amministrazione comunale nella persona del sindaco, Franco Mennella, sarà il concerto di Mario Biondi sul palco dello stadio comunale, insieme ai suoi Italian Jazz Players, per un evento gratuito. La voce incontrastata del new jazz italiano approderà ai piedi degli Alburni con Sun, il tour (che segue l’omonimo disco recentemente pubblicato) con i cui raggi ha riscaldato persino il grigio cielo di Londra, dove si è esibito, nell’ambito della Royal Albert Hall, il 10 Maggio scorso. Un doppio filo lega il nome dell’artista siculo, tempratosi appena 20enne nei piccoli club della costa orientale della Sicilia, al Festival diretto dai fratelli Scannapieco, rispettivamente sassofonista (già al suo fianco negli High Five, la formazione con cui Biondi ha inciso Handful of Soul esordendo nel 2006) e bassista della formazione di Biondi.

Tutte le sere, sul palco, in apertura dei concerti in agenda ci saranno gli ospiti del Fringe Festival: rassegna nella rassegna che ospiterà quanto di meglio ha da offrire la scena jazzistica legata al territorio. Si esibiranno, nell’ordine, nelle sere della kermesse: Di JJJ Mood feat. Amit Chatterjie (mercoledì 7); Domenico Basile 4tet (giovedì 8); Michele Di Martino 4tet (venerdì 9) e, per finire, Doris Larin & Bakunbatà (sabato 10), prima dell’evento finale.

“L’ Alburni Jazz & Blues Festival dichiara il sindaco, Franco Mennellaè l’espressione piena della rinascita del nostro comune. Negli ultimi vent’anni, grazie a questa pregevole iniziativa, si è associato il nome di Serre a quello di musicisti di gran calibro e prestigio. Per il secondo anno consecutivo, quest’amministrazione si impegna a portare avanti, seppur tra le notevoli difficoltà e gli sforzi legati ad una fase storica di certo non facile per gli enti, questo prezioso obiettivo, baluardo dell’identità del borgo che ogni anno richiama a sé, nelle sere d’estate, appassionati e non, uniti nell’intento comune di far crescere la comunità attraverso la musica e l’arte, ed estendendone al contempo il valore al di là dei confini della stessa. Nel corso degli anni, resta invariato l’intento, essenziale, di potenziare lo sviluppo del nostro territorio. Un traguardo che vorremmo raggiungere insieme a quanti, cittadini e non, vorranno godere con noi della kermesse, in quei giorni.”

Leggi anche