Agropoli, morto il tifoso colto da malore allo stadio

ospedale di eboli
Immagine da Google Maps

Nonostante i primi segni di miglioramento, il tifoso brindisino è deceduto a Eboli nella serata di domenica. Polemiche intorno al mancato utilizzo dell’ospedale civile di Agropoli

Non c’è stato nulla da fare per l’uomo di Brindisi, ma domiciliato attualmente a Torre del Greco, che durante la partita tra Agropoli e Brindisi di domenica scorsa ha accusato un malore improvviso. Secondo quanto riportato da InfoCilento, il settantenne è deceduto nella stessa serata di domenica all’ospedale di Eboli dove era ricoverato in gravi condizioni.

L’uomo si trovava ad Agropoli per assistere alla sfida qualificazione per la serie D tra la squadra di casa e il Brindisi di cui era tifoso. Durante l’intervallo, il tifoso pugliese ha accusato un malore, probabilmente a causa del forte caldo e della tensione causata dalla partita. Dopo i primi tentativi di rianimazione da parte di qualcuno dei presenti, sono intervenuti i sanitari che accorsi immediatamente sul posto hanno adoperato il defibrillatore per far ripartire il cuore. Nonostante le condizioni sembrassero inizialmente in miglioramento, l’uomo è deceduto in serata all’ospedale di Eboli dove era stato ricoverato.

La vicenda ha generato molte polemiche in relazione al mancato utilizzo del nuovo ospedale civile di Agropoli escluso dalla rete dell’emergenza nonostante la presenza nella struttura del pronto soccorso. L’ospedale, infatti, si trova nelle immediate vicinanze dello stadio Guariglia e in molti si chiedono cosa sarebbe cambiato se le ambulanze si fossero dirette subito nello stesso nosocomio agropolese.