Accendi il tuo futuro presso Villa Carrara



Accendi il tuo futuro è un evento che incentiva l’eco design e l’uso di luci a basso consumo energetico alimentate da fonti rinnovabili. Si inaugura sabato 5 dicembre a Villa Carrara

 Le opere luminose del progetto Accendi il tuo futuro rientrano nel percorso delle “Luci d’artista” che saranno inaugurate sabato 5 dicembre alla presenza del Sindaco presso Villa Carrara in via Posidonia.

Accendi il tuo futuro presso Villa CarraraA Salerno, avrà luogo l’inaugurazione delle opere realizzate dai giovani autori del progetto Accendi il tuo futuro, con la partecipazione dei rappresentanti delle Istituzioni  che sostengono l’iniziativa: il Sindaco f.f. Vincenzo Napoli e l’Assessore alle Politiche Sociali Giovanni Savastano.

L’esposizione di luci verte sui temi dell’amore, amicizia, famiglia, accoglienza, legalità, libertà e giustizia, ma soprattutto rappresenta un importante ragguaglio sull’eco-sostenibilità. I giovani coinvolti in questo progetto hanno realizzato pezzi unici di eco design, costruiti con materiali riciclabili e luci a basso consumo energetico alimentate da fonti rinnovabili.

Accendi il tuo futuro resterà aperta al pubblico fino al 17 gennaio 2016.

Leggi anche



Articolo precedenteZampogne nel Duomo di Salerno
Prossimo articoloBaronissi nel weekend dell’Immacolata
Avatar
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).