Pellezzano ricorda Ugo Marano

L’Amministrazione Comunale dedica ad Ugo Marano l’appuntamento del 16 dicembre, nell’ambito della rassegna “MuseMuseo” diretta da Rino Mele. L’antico convento agostiniano ospita per l’evento alcuni degli artisti salernitani che con Ugo Marano condivisero ansia e passione per l’arte. L’incontro sarà preceduto da un breve saluto della presidente del consiglio comunale Eva Longo.

Pellezzano ricorda così il suo compianto artista che, scrive Rino Mele, “negli anni Settanta, faceva delle feste culturali nella sua amata Capriglia, erano le “Feste delle idee” e lui ne era regista sommo ma anche servo di scena, attore, operaio delle macchine celesti che ogni teatro nasconde per mostrare la meravigliosa leggerezza. (Una volta mi disse, e ne rideva con l’arguzia dei suoi occhi, una sorta di filastrocca contadina: “Capriglia, rose e gigli…”)”.

Ne rappresenteranno l’ansia e l’arte Mario Carotenuto, Nello Ferrigno, Wanda Fiscina, Giancappetti, Loredana Gigliotti, Giuseppe Latronico. Pietro Lista, Franco Longo, Danilo Mariani, Antonio Petti, Paolo Signorino, Sergio Vecchio, Michela Coppola interpreta, con la sua viola, Bach ( suites n. 1,2, e 5) e Berio ( sequenza n. 6 per viola). Antonietta Acciani e Virginia Franceschi suggeriscono l’erranza del labirinto affidandone il piacere del gioco a un gomitolo salvifico.