WomenPower “Leadership femminile e cittadinanza attiva”



Venerdì all’Unisa si terrà l’incontro #WomenPower “Leadership femminile e cittadinanza attiva”, organizzato in collaborazione con il Consolato degli Stati Uniti per il Sud, per ispirare le giovani donne a correre per una carica elettiva

Venerdì alle ore 11:00 presso l’aula Biagio Agnes dell’Università degli studi di Salerno si terrà un incontro, organizzato in collaborazione con il Consolato Generale degli Stati Uniti per il Sud, con la fondatrice di una delle principali organizzazioni non-profit che ispira le ragazze e le giovani donne a correre per una carica elettiva e supporta la campagna elettorale di Hillary Clinton. L’evento rientra nella serie di seminari “Leardeship femminile e cittadinanza attiva” organizzati dall’Unisa, ed avrà il titolo di WomenPower.

womenpower

Ad inaugurare l’evento ci saranno i saluti istituzionali del Rettore Aurelio Tommasetti e a seguire l’introduzione sarà affidata a Maria Rosaria Pelizzari, Direttrice OGEPO, Delegata UNISA alle Pari OpportunitàDaniela Vellutino, Coordinatrice del ciclo di seminari “Leadership femminile e cittadinanza attiva”.

Molti gli interventi previsti durante “WomenPower“, fra cui quelli di: Jessica N. Grounds, già Direttrice di Women Ready for Hillary – BIOShawn Baxter, Console per la Stampa e la Cultura del Consolato Generale degli Stati Uniti a NapoliMonica Parrella, Dirigente Generale dell’ ufficio per gli interventi in materia di Parità e Pari opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Leadership femminile e cittadinanza attiva è un ciclo d’incontri aperti al pubblico” – spiega Daniela Vellutino, docente di Comunicazione Pubblica e Linguaggi istituzionali e coordinatrice degli incontri – “Sono seminari previsti nell’ ambito del Corso di Alta Formazione post Laurea in “Politiche di pari opportunità, Leadership femminile e Diversity Management”, organizzati in collaborazione con Confindustria Salerno, Fondazione della Comunità Salernitana, le reti Wister e CittadiniReattivi per riflettere sul rapporto tra donne e ruoli di potere e su come interpretare localmente l’impegno civico. Stiamo coinvolgendo le associazioni studentesche, invitandole a proporre temi di discussione. Attraverso le testimonianze di donne leader su temi di rilevanza sociale e di cittadine attive vogliamo rafforzare i diversi percorsi d’impegno civico presenti nei nostri territori del Sud. Infatti, ci sono molte reti di donne, associazioni studentesche e comitati di reazione territoriale che non riescono a connettersi per creare un ecosistema capace di produrre positiva innovazione sociale. L’università, in particolare il nostro ateneo, può essere un nodo per creare grafi di reti sociali attive”.

Da tempo l’Osservatorio Interdipartimentale per gli Studi i Genere e le Pari Opportunità (OGEPO) è impegnato nella formazione continua” – spiega Maria Rosaria Pelizzari, docente di Storia delle Donne e Studi di Genere, direttrice OGEPO e delegata d’Ateneo per le Pari Opportunità – “l’OGEPO nasce per creare reti e sviluppare competenze ed abilità, per attivare processi d’innovazione organizzativa e sociale dentro la Pubblica Amministrazione e nelle comunità di prossimità. Al progetto del Corso di formazione post Laurea, che prevede anche i seminari, hanno già aderito i Comuni di Salerno, Fisciano, Baronissi, Pellezzano, Siano, Pontecagnano, e l’Ufficio della Consigliera di Parità della Regione Campania, che hanno mostrato disponibilità a sostenerci in un percorso di Alta Formazione su “Politiche di pari opportunità, Leadership femminile e Diversity management”. Anche a livello nazionale stiamo riscontrando l’interesse e la disponibilità a sostenere il nostro progetto e lo testimonia la presenza, il 30 settembre, della Coordinatrice dell’Ufficio Parità e Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri”.

Daniela Vellutino: Metteremo a disposizione di coloro che vogliono impegnarsi in progetti di cittadinanza attiva i nostri laboratori didattici: il mio laboratorio, Diritto di accesso civico, nato per promuovere monitoraggi civici e sensibilizzare le PA a sviluppare dataset in formato open data per rendere più efficace la loro comunicazione pubblica, e GenderLab, il laboratorio di Studi di Genere delDipartimento di Studi Umanistici, coordinato da Maria Rosaria Pelizzari, con materiali documentari e bibliografici sulla storia delle donne e sull’Associazionismo femminile presente sul territorio regionale”.

Seguirà nel pomeriggio un incontro alla Scuola di Giornalismo. Il Direttore, Gennaro Sangiuliano, e gli studenti SdG intervisteranno Jessica N. Grounds, già Direttrice Women di Ready for Hillary, e Shawn Baxter, Console per la Stampa e la Cultura del Consolato Generale degli Stati Uniti a Napoli.

Leggi anche