Warner Bros nel Cilento con Wonder Woman



La Warner Bros sarà tra Camerota e Palinuro per girare alcune scene del nuovo film Wonder Woman, che uscirà nelle sale nel 2017

La Warner Bros rende noto che parte del film Wonder Woman sarà girato nel Cilento, tra Camerota e Palinuro, già in fase di riprese a Londra.
Diretto da Patty Jenkins è la storia della supereroina di casa DC Comics che farà il duo debutto in ‘Batman v Superman: Dawn of Justice’.
Nel cast del film, oltre a Saïd Taghmaoui e Chris Pine, sono stati confermati anche Robin Wright,Danny Huston, David Thewlis, Ewen Bremner, Elena Anaya e Lucy Davis.
Cast artistico e cast tecnico, circa 1000 persone, pernotteranno in diverse strutture turistiche tra Camerota e Palinuro.
Le scene saranno girate sulle spiagge, nei pressi dell’Arco Naturale. Una sorta di compromesso trovato tra la Warner Bros e i Comuni, avendo inizialmente espresso la volontà di girare una delle scena all’Arco Naturale, ma purtroppo inaccessibile al turismo da diversi anni.
warner bros La regista, profondamente colpita dalla bellezza dell’Arco, ha dovuto rinunciare alla sua scena, focalizzandosi su altri luoghi simbolo tra Camerota e Palinuro.
Una nuova occasione per il Cilento, che è stato nel passato diverse volte protagonista in film come Gli Argonauti, C’era una volta, Il segreto di Montecristo, Café Express. 
La presenza del cast, della Warner Bros sul territorio cilentano, rilancia non solo l’attrattiva turistica, ma promuove e rende omaggio ai luoghi che compongono lo scenario della costa cilentana, di cui Camerota e Palinuro occupano un ruolo importante e strategico, portando nel mondo l’immagine eterna, mitologica, selvaggia e unica di questo territorio, Patrimonio dell’Unesco. 
Un film, Wonder Woman, che rilancia anche la figura femminile nel cinema, eroina e allegoria di una forza fortissima del mondo, capace di lottare e proteggere la società dal Male.
Un personaggio molto importante nella cultura americana, che ha portato anche al superamento della crisi dei Comics negli anni ’50. Infine, l’ambientazione oscilla tra la contemporaneità e la seconda guerra mondiale. 

Leggi anche