Vietri, le dichiarazioni del candidato a Sindaco Giovanni De Simone

vietri

Il candidato a Sindaco di Vietri sul Mare Giovanni De Simone ha rilasciato diverse dichiarazioni, nel corso di un incontro tenuto lunedì scorso

Installazione del pontile per l’attracco dei traghetti, realizzazione della funicolare Vietri città e Marina e destinazione della Torre Vito Bianchi ad attività culturali. Sono stati questi gli argomenti principali dell’incontro che il candidato a sindaco di Vietri sul Mare, Giovanni De Simone, sostenuto dalla lista civica “Uniti per Vietri”, ha tenuto lunedì scorso nella frazione della cittadina costiera. “L’installazione del pontile consentirà di avere un maggior numero di presenze turistiche che, grazie alla fermata del traghetto anche a Marina, arriveranno da Salerno e dalla Costiera direttamente via mare. L’arrivo dei traghetti servirà anche a snellire il traffico che si crea da Vietri città in direzione mare. Altro intervento, sempre per favorire lo snellimento del traffico di auto, è la realizzazione della funicolare Vietri città – Marina“, ha affermato De Simone che ha illustrato anche la destinazione della Torre Vito Bianchi, acquisita di recente dal Comune.

Poche settimane fa ho firmato un accordo per l’acquisizione della Torre Vito Bianchi di Marina, di epoca vicereale. Così la nostra cittadina si dota di un nuovo prestigioso contenitore che avrà come destinazione le attività culturali“.

Costruita dai Saraceni nel 1564, è stata negli anni più recenti utilizzata come edificio della Guardia di Finanza. Ora verrà restituita alla fruizione da parte di tutti i vietresi, dei turisti e di quanti vorranno utilizzare i servizi che l’edificio ospiterà, ha detto De Simone. “Creeremo nella Torre un’area da destinare a biblioteca e archivio comunale, uno spazio polivalente che possa ospitare convegni e mostre ed altre attività culturali, un servizio di book sharing e un info point con un museo multimediale dedicato al mare e alla storia dell’antica Marina. Nella Torre  troverà spazio anche l’associazionismo: l’edificio storico diventerà un punto di attrazione turistico culturale, uno spazio al chiuso fruibile tutto l’anno che in questa frazione è più che mai necessario“.