Vietri, successo per cineforum e sportello psicologico



A Vietri si presentano i primi dati relativi a due progetti scolastici: Cineforum e sportello psicologico, le scommesse vinte dell’anno 2015/2016

Presentati, nell’affascinate aula consiliare del Comune di Vietri sul Mare, i risultati di due iniziative pensate per i giovanissimi studenti della scuola Primaria e Secondaria di VietriCineforum e sportello psicologico, un connubio innovativo volto ai più piccoli ma non solo.

I progetti in questione, promossi dall’assessorato alle politiche giovanili retto dall’assessore Mario Pagano, hanno coinvolto gli alunni in attività ludiche e di apprendimento, al fine di stimolare i ragazzi alla riflessione critica e consapevole su tematiche di interesse preadolescenziale, nonché ad avere uno screening dettagliato sulle abilità e difficoltà degli alunni per favorire la crescita dei bambini e la loro interazione con il mondo esterno ed, infine, ad informare i docenti attraverso un modulo di formazione sulle tematiche inerenti i DSA e i BES.

Nate dall’idea di rimodulare il Consiglio Comunale Junior, altro progetto di successo rivolto ai “piccoli amministratori” di Vietri, le due iniziative sono un chiaro esempio di come la sinergia tra Comune, Scuola e Famiglia sia una carta vincente.

Il Cineforum, creato dalla collaborazione con la dott.ssa Chiara D’Amico, esperta in comunicazione multimediale, ha supportato lo Sportello d’ascolto condotto dalla dott.ssa Daniela D’Elia, psicologa e psicoterapeuta.

vietriAlla conferenza erano presenti, oltre ai rappresentanti dell’amministrazione comunale, i dirigenti scolastici e le referenti del progetto che hanno esposto il lavoro svolto e i risultati dello screening che risulta conforme alla media nazionale.

Un buon punto di partenza per una Vietri che cresce e che è attenta anche alla prevenzione di disturbi e difficoltà momentanee dei bambini nei confronti dell’apprendimento.

Risultati soddisfacenti raggiunti, però, con non pochi problemi. Difatti, soprattutto nei confronti delle attività dello sportello psicologico, solo il 20% degli alunni ( incrementato poi successivamente) è stato autorizzato dai genitori a partecipare all’iniziativa gratuita.

Un dato, questo, che fa emergere un ancor troppo radicato pregiudizio nei confronti di tali discipline e tali strumenti d’indagine da parte delle famiglie vietresi che potranno, invece, confrontarsi con gli esperti e i docenti referenti ai prossimi appuntamenti in cantiere per l’anno scolastico 2016/2017.

 

 

 

 

Leggi anche