Viareggio, fuori pericolo il poliziotto salernitano aggredito nella notte in città



polizia

Il 28enne originario di Sapri è stato aggredito durante un controllo antidroga presso la pineta di Ponente di Viareggio. Ancora ricercato il fautore del folle gesto

Sembra essere definitivamente fuori pericolo il poliziotto di origini salernitane ferito nella serata di ieri a Viareggio, durante un routinario servizio antidroga. La notizia è stata diramata nella mattinata appena trascorsa dai medici dell’ospedale di Livorno, dove l’agente era giunto in condizioni abbastanza critiche, per effetto di una frattura cranica e di una emorragia cerebrale derivanti dall’impatto con una bottiglia di vetro.

Il 28enne, nativo di Sapri ed in servizio presso il commissariato della cittadina toscana, era stato colpito alla testa da un pusher, probabilmente di origine nordafricana, mentre era intento ad effettuare un servizio antidroga in borghese nei pressi della pineta di Ponente, il parco più noto della cittadina della Versilia che con l’arrivo della sera si trasforma in una  vera e propria piazza di spaccio.

Dopo l’aggressione, il cui fautore è attualmente ricercato, l’agente è stato soccorso dai sanitari del 118, i quali ne hanno assistito il trasferimento presso il nosocomio locale dove, a causa delle ferite riportate, è rimasto pochissimo tempo prima di essere successivamente trasportato all’ospedale di Livorno.

Leggi anche