Home Attualità Unisa, FederScherma: corso per aspiranti arbitri al campus di Baronissi

Unisa, FederScherma: corso per aspiranti arbitri al campus di Baronissi

Covid-19

Italia
13,595
Totale Casi Attivi
Updated on 9 July 2020 6:33
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Corso per aspiranti arbitri al campus Unisa di Baronissi. Il delegato regionale del gruppo schermistico arbitrale Marco D’Acunti: “Ottimo riscontro da parte di tanti ragazzi”

Il campus di Baronissi dell’UniSa, lo scorso luglio location delle gare di scherma dell’Universiade Napoli2019, ha ospitato il corso per aspiranti arbitri regionali all’alba della stagione agonistica 2019/2020. Folta la partecipazione, da ben quattro province della Campania, per l’iniziativa coordinata dal delegato regionale del Gruppo schermistico arbitrale, Marco D’Acunti.

- Advertisement -

La lezione, concentratasi su regolamento, deontologia e principi basilari che caratterizzano l’attività dei tesserati Gsa, ha riscosso grande attenzione e interesse. Hanno cominciato il proprio percorso da aspiranti arbitri Miriam Marino, Luca Bottiglieri, Raffaella Saviani, Dario Loffredo, Davide Reccia, Dario Pella, Valeria Agata, Simone Romano, Micaela Iaccarino, Enrico Russo, Alessandro Liotti, Alessia Iannaccone, Giovanni Murolo, Davide Fiorentini, Raffaella Bergamo e Arianna Gentile.

L’ottimo riscontro avuto, da parte di tanti ragazzi desiderosi di entrare a far parte del mondo arbitrale, è segno dal grande fascino che questo ruolo suscita ma testimonia anche il buon esempio che gli arbitri nazionali e internazionali della Campania stanno dando ai giovani che si avvicinano al Gsa – afferma il delegato Marco D’Acunti –. L’auspicio è continuare lungo questa strada, contribuendo sempre più ad un ricambio generazionale all’insegna della qualità tecnica e umana”.

Soddisfatto anche il presidente del Comitato regionale FederScherma Campania, Matteo Autuori: “La componente arbitrale è storicamente un vanto per la nostra regione e il coinvolgimento di un così considerevole numero di giovani è sicuramente un indicatore molto positivo dello stato di salute del movimento nel territorio campano”.

LiveZon
zerottonove