Tre gemellini sottopeso nati in perfetta salute al Ruggi



Tre gemellini sottopeso nati al Ruggi, il parto è avvenuto dopo appena 6 mesi di gravidanza. Ma è una storia a lieto fine

Lo scorso 8 gennaio sono nati tre gemellini sottopeso, ma la notizia è stata diffusa ora in quanto i neonati solo adesso sono fuori pericolo.

La sua mamma è Antonella Avitabile (proveniente dalla Costiera Amalfitana), 35 anni, mentre il papà è Giuseppe Acconciagioco. L’équipe diretta dal dr. Raffaele Petta, Direttore della Unità Operativa Complessa di “Gravidanza a Rischio”, era composta dal dottore Mario Polichetti, mentre l’anestesista era il dottor Alberto Damicantonio.

Tre gemellini sottopeso
Lo staff medico che si è occupato dei tre gemellini sottopeso

La paziente era stata ricoverata al sesto mese, per una gravissima forma di gestosi, nel Reparto di “Gravidanza a rischio” e seguita con le più moderne tecniche di sorveglianza del benessere fetale con flussimetria, studio del profilo biofisico fetale e con continuo monitoraggio ematochimico materno; dopo alcuni giorni di terapia è stata sottoposta ad intervento di taglio cesareo.

Tre gemellini sottopeso in perfetta salute. Alle ore 11.40 è nata Aurora, 800 grammi di peso; alle ore 11.14 l’ha raggiunta il piccolo Salvatore, con 650 grammi di peso, e alle ore 11.42 è nato Riccardo Pio, con un peso di 530 grammi.

I neonati sono stati assistiti dai Neonatologi Antonio Criscuolo e Melania Visconti del Reparto di Terapia Intensiva Neonatale, diretto dalla dottoressa Graziella Corbo.

La mamma, subito dopo il parto, ha avuto gravissimi problemi cardiaci (edema polmonare con miocardiopatia dilatativa) ed è stato necessario il ricovero nel reparto di Rianimazione diretto dal dottor Aldo Cirillo e nella Unità di Terapia Intensiva Cardiaca diretta dal dottore Rosario Farina. Attualmente, per fortuna, sia la mamma che i bimbi stanno bene.

Il medico Raffaele Petta ha precisato che “La gravidanza trigemina si verifica in un caso su 6.400 gravidanze e nel Reparto di Gravidanza a rischio sono state seguite molte gravidanze trigemine. L’eccezionalità dell’evento è dovuto al fatto che il parto è avvenuto al sesto mese, con la nascita di tre gemellini con un peso bassissimo (tutti e tre non arrivavano al peso complessivo di 2 kilogrammi) ed alle gravissime complicanze cardiache dopo il parto, risolte grazie alla sinergia delle professionalità  dei diversi Reparti del Ruggi“.

Un bella storia a lieto fine, e grandissima gioia per medici e assistiti.

Leggi anche