Tragedia multipla sfiorata nelle acque di Castellabate

Il mare di Castellabate ci parla di una nuova tragedia: un 51enne di Nocera Inferiore è annegato nel tentativo di salvare la figlia. Rimasti feriti tre militari della Guardia Costiera nel tentativo di soccorrerli

Un uomo è stato risucchiato dalle onde antistanti il lungomare di Santa Maria di Castellabate, in località Punta dell’Inferno. La tragedia è accaduta, nel tentativo estremo dell’uomo, un odontoiatra 51enne di Nocera Inferiore, di salvare la figlia di 16 anni.

Il 51enne è stato sopraffatto dal mare mosso e dalla fatica, proprio pochi metri prima di raggiungere la giovane, che non riusciva a tornare a riva: risucchiato dalla corrente e trascinato via per diversi metri, i guardiacoste non hanno potuto che costatarne il decesso, una volta recuperato il corpo esanime. Sono però riusciti a salvare la sedicenne.

 

Come riportato da Il Mattino, durante le operazioni di soccorso, tre militari della Guardia Costiera sono rimasti feriti nel tentativo di soccorrerli. Infatti, giunti sul luogo dell’incidente, a causa del mare agitato, si sono ribaltati con il loro gommone veloce.

I tre hanno riportato varie escoriazioni e sono trasportati all’ospedale di Roccadaspide.

adnow
loading...

CONDIVIDI
Articolo precedenteFerragosto a Castellabate con i giochi di luce sul mare
Prossimo articoloIncendio nella zona industriale di Salerno, nessun ferito

Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell’Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).