Tiger Cup, la seconda edizione nel ricordo di Fabio Alfano

tiger cup

Si è svolta la seconda edizione della Tiger Cup. Sono quattro le squadre scese in campo nel ricordo di Fabio Alfano, scomparso a causa di una grave patologia

Pellezzano (Salerno) – Quattro squadre e 44 giocatori stretti in un abbraccio intenso e, al centro, i piccoli bimbi a fare da mascotte: è l’immagine più forte e penetrante che ha commosso lo stadio “Federico Arcamone” di Casignano prima del calcio di inizio della seconda edizione della TIGER CUP. In campo, in un lungo torneo di circa 3 ore, la  Valentino Mazzola (allenata da mister Mariano Turco), l’Honveed Coperchia (mister Antonio Pessolano), la Mazzola Old Glory (mister Camillo Rinaldi) e la Tigers’s Friends (mister Umberto Galderisi). Una grande festa per ricordare Fabio Alfano, soprannominato la “tigre volante” per i tiri in porta, calciatore scomparso in pochi mesi a causa di una grave patologia, con torta finale e premiazione alla presenza anche degli amici e delle autorità cittadine.

Quello di oggi per noi è un momento di grande importanza. Si percepisce l’affetto per la figura di Tiger – afferma mister Mariano Turco. Fabio è stato uno dei pionieri del calcio dilettantistico di Coperchia e di tutta Pallezzano, militando sia nella Valentino Mazzola con cui ha iniziato da piccolissimo, che in altre squadre della Valle dell’Irno. La sua scomparsa è stato un duro colpo per tutta la comunità e già lo scorso anni gli amici e le squadre hanno avuto ricordarlo con questa manifestazione, che è stata istituzionalizzata in calendario. E’ un ragazzo che non dimenticheremo mai, io l’ho allenato per 10 anni”.

Fondata nel 1954, la Valentino Mazzola per il 65esimo anno consecutivo sarà ai nastri di partenza di un nuovo campionato: “Ci riempie di orgoglio e ci dà anche la forza di continuare”, insiste il mister mentre ricorda le imprese della stagione appena trascorsa, con la visita a Torino in occasione del centenario della nascita di Valentino Mazzola, al cimitero, a Superga, allo stadio Filadelfia del grande Torino.

“Della Valentino Mazzola parlano i numeri per me. Ho iniziato a 15 anni a giocare, passando dal settore giovanile alla prima squadra, e poi ho intrapreso il nuovo incarico di allenatore per quasi un ventennio e circa 330 panchine, dalla promozione alla seconda categoria. Quest’anno ho deciso che era arrivato il momento di passare la mano – sottolinea mister Turco che continuerà a far parte però della dirigenza della società – è arrivato un allenatore che mi ha affiancato in questi due anni e in lui  ho intravisto la continuità per il futuro. La Mazzola è stata brava a darsi un’identità e anche dei limiti con una gestione virtuosa, perché nel calcio moderno a livello dilettantistico nel giro di 10 anni sono scomparse almeno 30 squadre e noi siamo sempre qui, da 4 anni in prima categoria. Il calcio dilettantistico per le comunità è fondamentale, perché aiuta a togliere i ragazzi dalla strada”.

Un evento in ricordo di un figlio di Pellezzano, come evidenzia l’assessore allo sport e vice sindaco Michele Murino: La Tiger Cup è importante per veicolare il valore umano oltre l’aspetto agonistico. Valori importanti per noi, trasmessi dalle ottime scuole calcio che sono sui nostri territori. Ci sono anche i bimbi che si allenano oggi, per far capire a loro che il calcio non è solo una competizione tra due squadre con un vincitore, ma soprattutto è aggregazione, incontro, sano stile di vita, amicizia, passione, impegno. L’amministrazione del sindaco Morra sta rafforzando le sinergie che sono mancate sul territorio. Di recente abbiamo ospitato i giochi della gioventù, a breve avremo il torneo delle frazioni, per confrontarsi, per stare insieme di sera, per socializzare e fare in modo che tutti i cittadini partecipino”.

A premiare i vincitori al termine del torneo è intervenuto il sindaco Francesco Morra: “L’iniziativa si inserisce all’interno di una programmazione sportiva grazie all’impulso delle associazioni. Avvertiamo la necessità di momenti culturali e aggregativi. A ciò si aggiunge l’impiantistica sportiva di cui disponiamo e siamo molto orgogliosi perché è rientrato nel circuito delle universiadi il palazzetto dello sport di Capriglia che ospiterà gli allenamenti della pallavolo”.