Tavola rotonda per la valorizzazione del Cilento



Sabato 5 marzo presso il Comune di Centola si è svolta una tavola rotonda con la presenza di numerosi sindaci del Cilento, dove si è discusso di molteplici temi per lo sviluppo dell’area Cilentana

Alla tavola rotonda, riunitasi con la collaborazione anche dell’associazione Sapere Mediterraneo, era presente anche il nuovo Presidente dell’Ente Parco, Tommaso Pellegrino.

Il primo a prendere la parola è stato il Consigliere Regionale e Sindaco del Comune di Centola, il dottor Carmelo Stanziola, che ha espresso la volontà di organizzare il territorio del Cilento
in “aree vaste ma omogenee” con lo scopo di accrescere non solo l’immagine di tutta la Comunità del Parco, ma anche per fare in modo di favorirne il sostegno finanziario.

La creazione di queste aree omogenee porterà ad una gestione più snella che risulterà molto più efficace per il turismo e a livello di promozione del territorio. Spiega poi il Consigliere Stanziola, che il suo pensiero è fondato sul fatto che il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni racchiude vaste aree e, non essendo omogenee tra loro, si rischia di rendere nulli molti potenziali progetti, che potrebbero essere applicati con più facilità se le aree fossero più omogenee tra loro e, quindi, più a stretto contatto con l’Ente Parco.

In seguito, la parola è passata a Francesco Scorza che ha parlato del suo progetto MED DIET (Italy Land f the Mediterranean Diet), spiegando che si tratta di un programma che realizza pacchetti turistico – esponenziali ed ha come scopo finale quello di portare nel Cilento giovani provenienti da tutto il mondo, per dar loro modo di conoscere personalmente la storia del territorio dove è nata la Dieta Mediterranea, conosciuta in tutto il mondo.

Ha concluso poi la giornata, l’intervento di Francesco Scianni, il quale ha ideato il progetto COMUNI DEL CILENTO, che ha l’obiettivo di riunire Enti Pubblici e stakeholder del posto, anch’esso con l’obiettivo di promuovere il territorio.

 

 

 

Leggi anche