Strade Dissestate: Verbale per la provincia di Salerno

Una provincia in netta crescita, cosi come è in crescita la città di Salerno, che dal piccolo borgo di pescatori sta diventato una città invidiabile in tutta Italia. I suoi servizi, i suoi luoghi, le sue arti, le sue attrazioni e il suo turismo sono in espansione e davvero di buona qualità.

Purtroppo l’unica piaga che affligge interamente tutta la provincia di Salerno è il problema viabilità: le strade sono in gran parte distrutte e poco praticabili.

L’agro nocerino, ad esempio, uno delle tante zone afflitte da questo problema, ha avuto alcune delle strade principali in totale dissesto per un lungo periodo di tempo, come è avventuo a Sarno in seguito alla riparazione del sistema fognario cittadino.

Scandaloso il fatto che alcune delle strade provinciali sono in totale distruzione. Per citarne solo alcune delle tante, le strade di collegamento principale per Nocera Inferiore come via Provinciale Amendola, Via San Valentino, Via Loporto a San Marzano oppure la statale 367 che collega a la provincia di Salerno a quella di Napoli. Nonostante le ripetute riparazioni del manto stradale, bastano pochi mesi e l’asfalto si distrugge e si riduce ad un colabrodo, aumentando il rischio di incidenti gravi da parte degli automobilisti.

Le strade sprofondano, i tombini cedono, l’asfalto di distrugge totalmente. E’ una situazione paradossale, come se la base del fondo stradale non sia abbastanza solida da reggere il peso del transito dei veicoli e le ordinarie pioggie invernali della regione. Oltretutto, non sempre vengono compiuti lavori di riparazione completi e si procede per risparmiare, tempo e denaro, al rattoppo della singola zona.

Il peggio però è avvenuto sulla regionale 426 che collega Polla con Sant’Arsenio: la strada è addirittura a rischio smottamento, totalmente distrutta, con profonde voragini e spaccature. Il Comandante della Polizia Municipale Giovanni Landolfi, ormai esausto della situazione, ha esposto un verbale alla provincia per violazione degli articoli del codice della strada da parte degli enti proprietari della tratta.

La popolazione, per quanto riguarda la situazione è totalmente esausa e oltre ai tanti cortei e manifesatazioni non ha più altri mezzi per sensibilizzare al problema. Il loro è un vero e proprio rally quello che si trovano ad affrontare ogni mattina migliaia di lavoratori