HomeSportCalcioStephanie Ohrstrom risponde a Ibrahimovic

Stephanie Ohrstrom risponde a Ibrahimovic

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
103,556
Totale Casi Attivi
Updated on 25 September 2021 17:01
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

L’estremo difensore svedese Stephanie Ohrstrom in forza al Verona replica alle parole dure di Ibrahimovic.

È una Stephanie Ohrstrom molto dura nei confronti del suo connazionale Ibrahimovic che nei giorni scorsi ha sbottato contro la stampa svedese per i continui paragoni con le calciatrici connazionali. [Leggi l’articolo]

Stephanie OhrstromTramite il portale ufficiale della società scaligera dove milita, l’estremo difensore ha rilasciato alcune dichiarazioni: “È vero, calcio maschile e femminile non si possono paragonare, però Ibra avrebbe potuto rispondere in maniera più elegante spiega Stephanie Ohrstrom invece, il suo intervento è stata una grande mancanza di rispetto. Quando parla, deve ricordarsi di essere il capitano della Svezia, uno dei giocatori più forti del mondo e un esempio per milioni di ragazzini e ragazzine. Ma chi è Ibrahimovic per dire che qualcuno vale di meno perché è una donna? Bisogna avere rispetto per le persone, sia in campo che fuori, e per i sacrifici che ognuno di noi fa nella vita, calciatrici comprese. Tuttavia, sono fiera della Svezia: tanta gente, giornalisti, donne e uomini, hanno preso le parti del calcio femminile. In molti Paesi questo non sarebbe successo».

Tutta questa polemica è nata dopo che l’attaccante ex Ajax, Juventus, Barcellona, Inter e Milan è stato eletto dagli addetti ai lavori svedesi come lo “sportivo più amato” anche se ne ha combinate di belle. Ibrahimovic in un’intervista rilasciata in Svezia si è tolto dei sassolini dalla scarpa dichiarando che uomini e donne in ambito calcistico non possono essere paragonati. Tutto questo è nato perché al Gala del Calcio non è stato assegnato nessun riconoscimento a Therese Sjoegran, centrocampista svedese che ha messo a segno ben 187 goal; al Gala del calcio lo sfogo di Ztalan, dunque, è nato anche dalle polemiche sollevate, soprattutto in patria, per i mancati riconoscimenti alla Sjoegran.