HomeAttualitàStatua di San Sebastiano, il 24 luglio benedizione ed installazione

Statua di San Sebastiano, il 24 luglio benedizione ed installazione

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
102,244
Totale Casi Attivi
Updated on 27 September 2021 12:04
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Si terrà sabato 24 luglio alle ore 19 la benedizione ed installazione della statua di San Sebastiano. Il programma dell’evento

L’Associazione S. Sebastiano Martire che opera sul territorio della Regione Campania per la divulgazione della devozione del Santo dal doppio martirio caduto, come S. Pantaleone sotto le persecuzioni dell’imperatore Diocleziano; nell’ambito del gemellaggio 2013/2023 istituito sotto la Presidenza Onoraria del Presidente Commissione per i Laici e Vescovo di Averla (CE) Mons. Angelo Spinillo, ringrazia il Parroco di Don Adriano D’Amore per la disponibilità ad accogliere la tappa Valle dell’Irno del gemellaggio.

Siano onorati di potei donare alla comunità ecclesiale presso la Chiesa dl S. Rocco la statua di San Sebastiano presso vostro antico tempio di Banzano dove già nel lontano 1529 era presente Fa confraternita dedicata ai Santi: Rocco e Sebastiano (fonte archivi diocesani). Analogia del supplizio S. Pantaleone e San Sebastiano.

S. Sebastiano nato a Narbona (Francia Meridionale) educato alla fede cristiana da madre milanese ha subito il martirio sotto l’imperatore Diocleziano nel III sec. d.C. a Roma nel momento storico in cui S. Pantaleone in Oriente veniva sottoposto al martirio durante la triade dell’Impero Romano. Durante il viaggio in Italia S. Fiocco di Montpellier (madre di origine Lombarda) ha voluto visitare oltre la tomba degli apostoli, le catacombe e beli lisa paleocristiana di San Sebastiano a Roma metà del gemellaggio 2013/2023 che coinvolge l’intera Valle dell’Irno: Montoro, Solofra e Fisciano grazie al Sac. Del Regno Aniello presso la chiesa di S. Martino di Lancusi già parroco di Borgo.

Con bolla papale del XIV sec. dl Clemente VI conferiva a San Sebastiano la tutela spirituale contro la Peste Nera che nel medioevo dimezzò il 50% della popolazione in Europa. Da quel momento viene invocato contro la peste ed epidemie venerato sia nella chiesa cattolica che ortodossa nel mondo.

L’immagine di San Sebastiano e di S. Rocco spesso è stata incisa anche all’ingresso del centri abitati e borghi nonché nelle tele e chiese di piccole frazioni come in quella di S. Maria di Costantinopoli a Figlioli di Montero raffigurante due Santi invocati per allontanare la peste non senza ricordare che S. Rocco proprio per curare gli appestati nel basso medioevo fini per ammalarsi e poi addirittura ln carcere ritenendolo una spia.

Alla cerimonia di Sabato 24 Luglio 2021 sono stati invitati: il Sindaco della Città di Banzano ed una rappresentanza del Comando Polizia Municipale.

San Sebastiano nel 1957 dal Pontefice Pio XII è stato nominato protettore della Polizia Municipale in Italia, il comandante della Polizia Municipale di Montoro già promotore della ricorrenza del martirio del 20 gennaio non mancherà di inviare In Chiesa una rappresentanza della Polizia Municipale.

Nell’ambito dei gemellaggio sono previste iniziative presso la frazione S. Pietro In collaborazione con la Congrega S. S. Nome dl Dio di Borgo, Chiesa S. Leucio e S. Pantaleone di Torchiati, (Convento S. Francesco) Piano, nell’ambito delle ricorrenze Patronali dove è in programma la tavola rotonda su temi inerenti le tradizione folclore, devozioni e turismo religioso con docenti di Antropologia Culturale.