Sospeso l’operato della Croce Azzurra. Il Comune di Agropoli intanto chiarisce

croce azzurra

Dopo la sospensione, da parte dell’Asl Salerno, dei servizi della Croce Azzurra, si corre ai ripari: nuovi mezzi per sopperire alla mancanza di ambulanze

Dopo la sospensione da parte dell’Asl Salerno per la convenzione della Croce Azzurra, sorgono problemi per il primo soccorso. A Licinella, come riporta Salerno Today, non sono rimaste ambulanze, ad Agropoli soltanto una di tipo B. Senza dimenticare i mezzi di ASI e Croce Rossa, presenti a Capaccio Pasetum.

Il chiarimento del comune di Agropoli

In seguito alle note vicende che hanno portato l’Asl Salerno alla sospensione delle ambulanze in convenzione con Croce Azzurra, il sindaco di Agropoli, Adamo Coppola, ha assunto informazioni presso l’Azienda sanitaria locale. È stato dalla stessa chiarito che la situazione per Agropoli è la seguente: sul territorio comunale, con base presso il P.O. di Agropoli, erano operative complessivamente quattro ambulanze, due della Croce Bianca e due della Croce Azzurra. Nel primo caso, si tratta di un’ambulanza con infermiere e un’altra medicalizzata (con medico a bordo). Per quanto riguarda i due mezzi (oggetto di sospensione da parte dell’Asl Salerno) della Croce Azzurra, erano presenti: una rianimativa e un’altra che effettuava il trasporto dei pazienti dal presidio ospedaliero di Agropoli a quello di Vallo della Lucania. La rianimativa è stata sostituita con una omologa di Salerno; quella per il trasporto pazienti da una in servizio presso l’ospedale di Vallo della Lucania. Quindi di fatto, le ambulanze operative sul territorio di Agropoli erano e restano quattro. Vi era poi un’ambulanza rianimativa, che era operativa su Licinella (Capaccio Paestum) che di fatto non è stata sostituita e quindi, in caso di necessità, interviene quella presente ad Agropoli. Si attende il ripristino completo del servizio nelle prossime ore. Nel contempo si sta insistendo al fine del potenziamento del presidio ospedaliero di Agropoli.