Home Territorio Baronissi Scuole Baronissi, l'opposizione: ''Valiante non deleghi, decida''

Scuole Baronissi, l’opposizione: ”Valiante non deleghi, decida”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
558,068
Totale Casi Attivi
Updated on 16 January 2021 13:33
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Scuole Baronissi, l’opposizione sul Sindaco: ”decidere di non decidere spesso implica vere e proprie spaccature in seno alla Comunità”

Baronissi, sulla questione scuole dice la sua l’opposizione in una nota inviata alla nostra redazione.

La nota

Valiante continua, come già fatto nel passato, a rinvangare l’arte dello scaricabarile, anche quando la responsabilità della scelta è macroscopicamente sua. Chiedere il coinvolgimento di dirigenti scolastici e genitori per “delegare” loro i motivi di una decisione è atto disonesto politicamente e inaccettabile sotto il profilo sociale.’

È quanto affermano i consiglieri comunali di opposizione del Comune di Baronissi in merito al parere richiesto dal primo cittadino sulla possibilità di proseguire con la didattica a distanza nelle scuole.

”Lungi dall’essere un esempio di democrazia partecipata, come subdolamente vorrebbe lasciare intendere. Il coinvolgimento degli altri soggetti del mondo scolastico è, secondo noi, indotto da un duplice motivo: il primo, per evitare l’imbarazzo di adottare una scelta contraria alla preannunciata ordinanza di riapertura delle scuole del governatore De Luca (suo grande sponsor alle scorse elezioni comunali); la seconda, per poter sempre dire che la scelta è stata determinata da altri, non da lui. Smetta, il sindaco, di giocare allo scaricabarile, specie nelle scelte più difficili, e prenda atto, una volta per tutte, che “decidere di non decidere” spesso implica vere e proprie spaccature in seno alla Comunità. È già accaduto in passato – concludono i consiglieri di opposizione -, per atteggiamenti analoghi tenuti dal Primo Cittadino, accadrebbe ancora, in questo caso tra i genitori degli alunni coinvolti. Almeno stavolta decida di decidere, senza nascondersi dietro altri. Come hanno fatto molti altri suoi colleghi primi cittadini della nostra provincia”.