Home Cronaca Sciopero generale a Benevento contro "la buona scuola" di Renzi

Sciopero generale a Benevento contro “la buona scuola” di Renzi

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
255,090
Totale Casi Attivi
Updated on 28 October 2020 14:51
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Sciopero generale a Benevento: in piazza studenti, disoccupati e sindacati, uniti contro il governo Renzi

Sciopero generale a Benevento per protestare contro la “buona scuola” di Renzi. Alle ore 10 di questa mattina, un folto corteo di manifestanti è partito da piazza Orsini e ha invaso le vie del centro cittadino. Studenti, disoccupati, rappresentanti sindacali e del Movimento di Lotta per la Casa sono scesi in piazza coesi contro il Job Acts del governo Renzi, in discussione a Roma proprio in queste ore.

scioperoAlla testa del corteo capeggia uno striscione con su scritto “Ribaltiamo la buona scuola”, slogan che sintetizza il dissenso e il profondo malcontento che da anni, ormai, alberga tra i “protagonisti” della scuola italiana. Le motivazioni della protesta di stamani sono esposte a gran voce da un rappresentante del Collettivo Studentesco, il quale sottolinea la “lucida follia” del piano di riforme renziane, destinate a sferrare il colpo di grazia all’agonizzante scuola pubblica.

“Il rottamatore Renzi – aggiunge, ancora, uno studente – con le sue riforme garantirà l’esclusiva affermazione della figura del preside e il tanto millantato merito non sarà nient’altro che un vessillo, atto a celare i soliti favoritismi e sistemi clientelari”.

A farne le spese, come al solito, chi ha scelto di “studiare“: gli studenti, trattati alla stregua di numeri aziendali e soprattutto i docenti, inesorabilmente e irrimediabilmente  precari e chissà… finanche mercenari.

sciopero

Il colorato e pacifico corteo beneventano di questa mattina si unisce alle tante proteste e polemiche  divampante in quest’autunno caldo della politica renziana; la riforma della scuola italiana è ancora un intricato nodo da sciogliere, troppe le falle accumulate nel susseguirsi delle legislature e troppo poco il rispetto che i governi hanno avuto nei confronti di chi ha investito o investe il proprio futuro nell’istruzione…

Buona Scuola, morituri te salutant!