Scafati in MoVimento sul rischio mancata apertura di cinque scuole

scafati movimento rifiuti

Cinque scuole di Scafati rischiano di non poter aprire a causa di irregolarità per le leggi sismiche. L’appello di Scafati in MoVimento

L’associazione Scafati in MoVimento lancia un appello sulla questione del rischio della mancata apertura di ben cinque scuole del Comune di Scafati. Infatti, gli attivisti fanno notare che ogni anno si ripete il problema delle certificazioni di agibilità e di vulnerabilità sismica per le strutture scolastiche della città. “Sia le passate amministrazioni che l’attuale gestione commissariale non hanno mai provveduto ad ottemperare l’iter per regolarizzare questa situazione in tempi utili”.

“Ora apprendiamo la notizia del rischio di mancata apertura di cinque scuole del territorio scafatese Si tratta di una situazione a dir poco inaccettabile. Nonostante le nostre numerose segnalazioni in merito alla sicurezza antisismica e alle barriere architettoniche di questi anni niente è stato fatto”. Questo è quanto fa sapere l’associazione. Inoltre, si precisa che l’ultima segnalazione è avvenuta nello scorso mese di agosto, in cui si chiedeva la verifica delle strutture cittadine e la presa di provvedimenti.

In particolare, le cinque strutture scolastiche che, probabilmente, non saranno pronte ad accogliere gli studenti quest’anno sono: il plesso di Mariconda; le scuole medie di San Pietro; l’istituto Tommaso Anardi; il plesso di via Tenente Iorio; la struttura in piazza Falcone e Borsellino.

“In questo modo si va a ledere un diritto essenziale dei nostri figli, il diritto allo studio. Scafati in MoVimento condanna fortemente questa negligenza della Triade. Inoltre, si augura che quanto prima si giunga alla soluzione, in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico il prossimo 12 settembre. In caso contrario chiederemo che vengano accertate tutte le responsabilità di queste negligenze”. Così gli attivisti concludono l’appello.