San Cipriano Picentino: il dibattito sul ritardo degli stipendi comunali



torraca
immagine da Pixabay

San Cipriano Picentino, arriva ad uno snodo cruciale la questione sul ritardo degli stipendi dei dipendenti comunali. I dubbi dell’opposizione e la risposta del Sindaco

Nell’ultimo mese, San Cipriano Picentino è stato teatro di una questione spinosa riguardante il mancato pagamento degli stipendi comunali.

La scorsa settimana, l’opposizione “Con i Cittadini” capitanata da Massimo Zoccola, ha segnalato alla popolazione le perplessità sullo stato delle casse municipali.

I dipendenti comunali si sono visti recapitare una vergognosa comunicazione di mancato pagamento degli stipendi – recita il manifesto dell’opposizionequesto atto gravissimo, oltre a ledere un diritto sacrosanto, dimostra la criticità da noi più volte denunciata, in cui versano le casse municipali. Nello specifico, il nostro governo cittadino ha continuato ad utilizzare impropriamente lo strumento dell’anticipazione di cassa fino ad accumulare, a dicembre 2018, la somma di più di 1.600.000,00 € e determinando di fatto un ammanco che supera i 200.000,00€”.

Pochi minuti fa è arrivata la risposta del sindaco, Gennaro Aievoli, sulla questione Finanziaria 2019, dichiarando che il predissesto finanziario non c’è mai stato. 

Il giorno 11 febbraio abbiamo richiesto alla banca il pagamento degli stipendi dei dipendenti comunali relativi al mese di gennaio 2019” scrive il Primo Cittadino.

Il bilancio strutturale del Comune è sano, – continua – a differenza delle affermazioni di una parte dell’opposizione che non conosce, nonostante la lunga opposizione fin qui svolta, cosa sia il predissesto finanziario.”

Infine ha rivolto un pubblico ringraziamento a tutti i dipendenti comunaliche, nonostante il leggero ritardo nel pagamento dello stipendio di Gennaio, hanno garantito con il loro lavoro tutti i servizi senza arrecare disagio alla popolazione“.

Leggi anche