Salute e benessere in piazza a Salerno per il week end



A Salerno salute e benessere scendono in piazza questo fine settimana. Ecco i tre imperdibili appuntamenti per la prevenzione e, soprattutto, la donazione

A Salerno “La Salute scende in piazza”. Un week end all’insegna di salute e benessere che si terrà a Piazza Cavuour da venerdì 22 aprile fino a domenica 24.

Questa mattina alla conferenza di presentazione il dottor De Pascale, che ha fatto da presentatore e moderatore, Federica D’Agostino, del Segretariato Italiano Studenti di Medicina (SISM) il dottor Armando Cozzolino, due rappresentanti della Croce Rossa, il giovane dottor De Blasio, presidente dell’Associazione Donatori Midollo Osseo (ADMO), e Luigi Bisogno, diventato presidente di Donation Italia, che fa capo all’iniziativa di grande successo di febbraio “Dona con amore”.

“Il momento è tragico per la Sanità italiana, perché a causa della crisi le persone non possono curarsi” esordisce De Pascale, e nell’intervento successivo la D’Agostino continua: “è quindi necessario sensibilizzare la popolazione al tema dell’educazione alla salute”.  Nulla di più coinvolgente ed attrattivo per i salernitani come un ritrovo comune di svago, ovvero la piazza. In questo caso, Piazza Cavour di Salerno.

salute e benessere
Salute e benessere in piazza a Salerno per il week end

Qui interverranno giovani studenti della Facoltà di Medicina e giovani medici che cercheranno di instaurare rapporti di fiducia con i cittadini per convincerli a sottoporsi agli esami.

Lo scopo, alla luce di questi disagi, è quello di fornire dei servizi che riguardino salute e benessere della popolazione, in particolare interventi di poliambulatorio mobile, prime nozioni di pronto soccorso, laboratori per un corretto stile di vita a partire dall’alimentazione,  e screening diabetologici, che consentiranno di scoprire (si spera in tempo) eventuali affezioni.

Sicuramente però sono di vitale importanza i fronti sulla donazione. Infatti l’ADMO sarà presente per spiegare i motivi pe cui il registro dei donatori ha così pochi iscritti, ovvero burocratici: fino allo scorso mese infatti era chiuso. Lo scopo è anche quello di evitare la disinformazione che circonda questo tema, soprattutto per quanto riguarda le modalità di prelievo del midollo.

Un traguardo che si spera di raggiungere, inoltre, è la creazione di una sezione medica della Protezione Civile, in modo tale che “la salute sia in piazza e dovunque”.

Leggi anche